Nuovi autisti per Atm: l’azienda milanese assume, puntando sui giovani. Si è aperta negli ultimi giorni una selezione di risorse adibite a svolgere il trasporto passeggeri su bus, tram e filobus. I nuovi entranti saranno inseriti con contratto a tempo determinato. Tra i requisiti vi è la «Preferibile età inferiore a 29 anni».

Atm, conducenti anglofoni è meglio

Nell’annuncio di lavoro pubblicato sul sito http://www.lavorareinatm.it si legge che «L’azienda desidera entrare in contatto con candidati maturi e responsabili, dotati di spiccato senso civico ed etico, che con il loro impegno e la loro professionalità possano garantire ai passeggeri un servizio di trasporto costantemente efficiente, sicuro e confortevole». La lista dei requisiti, oltre alla preferibile (non tassativa) giovane età, include il «Preferibile diploma di scuola media superiore» e la «Preferibile conoscenza della lingua inglese». Necessaria la «disponibilità a lavorare su turni rotativi, anche notturni e festivi». Qui l’annuncio.

Full time o part time

I candidati che supereranno la selezione saranno sottoposti al controllo della idoneità fisica e psico-attitudinale alla mansione di operatore di esercizio presso la struttura sanitaria designata dall’Azienda trasporti milanesi, municipalizzata del Comune che gestisce il trasporto pubblico nel capoluogo lombardo e in 46 Comuni, servendo un territorio che interessa 2,51 milioni di abitanti. Al vertice di Atm è appena approdato Arrigo Giana (ex Cotral) nelle vesti di direttore generale, dopo la turbolenta conclusione del secondo mandato di Bruno Rota (ora in forza ad Atac). I conducenti nuovi assunti faranno riferimento alle sedi operative della Società in Milano e nell’ambito della città metropolitana. In relazione alle necessità organizzative presenti all’atto dell’assunzione, l’inserimento a tempo determinato delle nuove risorse potrà avvenire anche con contratto di lavoro part time.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Idrogeno per il tpl, il position paper di Asstra e H2IT

Duecentosei. È questo il numero di autobus alimentati a idrogeno circolanti in Europa a fine 2022. Un numero che è salito nel corso del 2023, a dimostrazione di come l’H2, oltre alle batterie che alimentano e spingono gli e-bus, sia una delle trazioni alternative per affrontare la sfida della ...