La flotta di autobus elettrici di Berlino si avvia ad allargarsi notevolmente grazie a un nuovo ordine per ben 90 Solaris Urbino 12 elettrici. Saranno consegnati all’operatore BVG a partire dalla primavera 2020 e saranno dotati di sistema di riscaldamento elettrico e pantografo per una ricarica rapida. Il contratto, comprese le infrastrutture di ricarica, ha un valore di circa 61 milioni di euro.

Quando le consegne degli ordini stipulati saranno ultimate, 140 autobus elettrici saranno in funzione nella capitale tedesca, dove sono attualmente in consegna anche 15 Mercedes eCitaro.

Si tratta del quarto ordine firmato da BVG con Solaris Bus & Coach per autobus elettrici, e segue la fornitura di 15 unità ordinata un anno fa e il lotto di autobus articolati (15 unità) acquistato nel marzo 2019. Altri 5 ebus Solaris sono in funzione a Berlino da alcuni anni, con sistema di ricarica a induzione.

Finanziamento governativo per 14 milioni

Prima di quest’ultimo ordine, 35 autobus elettrici Solaris erano in funzione o in consegna a Berlino. Ora il numero è salito a 125. All’inizio di giugno il Consiglio di sorveglianza della BVG ha selezionato l’offerta più vantaggiosa. Ora, dopo due settimane, l’azienda di trasporti pubblici ha annunciato ufficialmente questa decisione. Il vettore si aspetta che il governo sostenga l’investimento con un budget di circa 14 milioni di euro, secondo BVG. Nel frattempo, BVG riceverà da Mercedes ben 950 autobus diesel Euro VI Euro VI, a seguito di una fornitura ordinata nel 2018.

Pantografi al tetto per ampliare l’autonomia

Tra le novità della nuova fornitura spicca l’impianto di riscaldamento elettrico, che consentirà un reale funzionamento senza emissioni. Da notare che i 90 ebus saranno dotati di pantografo per poterli ricaricare velocemente durante il servizio giornaliero, anche se verranno caricati principalmente nel deposito. Del resto, nelle scorse settimane sono fiorite le polemiche, tra la stampa locale, per l’autonomia giudicata insufficiente del primo lotto di elettrici, attrezzati solo per la ricarica in deposito.

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...

Karsan consegna a Catania i primi e-Atak in Italia

Gli e-Atak made in Karsan sbarcano finalmente in Italia e la prima consegna dei midibus elettrici turchi è avvenuta a Catania, dove Amts, l’azienda metropolitana trasporti he gestisce il trasporto pubblico locale nella città alle pendici dell’Etna, ha dato il benvenuto a 11 delle 18 unit...

UK, National Express ordina 300 autobus a zero emissioni

National Express West Midlands sta acquistando 300 nuovi autobus a zero emissioni. Previste consegne entro la fine del 2024. Il gruppo britannico sta investendo fino a 150 milioni di sterline per questo scopo. Viene sottolineato che gli autobus a zero emissioni devono essere “made in UK”...

Germania, ecco il podio degli e-bus: Daimler Buses avanti a tutti

La notizia arriva da Omnibus.news, media punto di riferimento in Germania per il mondo degli autobus. Il mercato 2022 degli e-bus in territorio teutonico è cresciuto e le immatricolazioni continueranno ad aumentare anche nel 2023. In attesa che Wim Chatrou di Chatrou CME Solutions presenti i dati de...