Visa dichiara guerra al pagamento dei biglietti in contanti. Il programma “Visa global transit solutions“, lanciato oggi (13 novembre) ha l’obiettivo di stimolare l’uso dei pagamenti elettronici e digitali –di debito, credito o prepagati – presso i tornelli di accesso o le obliteratrici nei bus.

visa bigliettazione digitale

Il futuro dei biglietti? Digitale

Il programma lanciato da Visa, società leader in pagamenti digitali, si rivolge agli operatori dei trasporti di massa e agli operatori del settore tecnologico, si propone di incentivare l’introduzione che consentano il pagamento contactless a saldo della tariffa di trasporto direttamente presso gli accessi ai treni e metropolitane e presso i dispositivi di controllo nei bus. Del resto, lo studio “Cashless cities”, svolto proprio da Visa, ha evidenziato il dispendio di risorse legato al ritardo nell’introduzione di sistemi di pagamento digitali: gli operatori dei trasporti urbani spendono una media di 14,5 centesimi per ogni dollaro fisicamente ricevuto in pagamento, contro una media di soli 4,2 centesimi per ogni dollaro ricevuto in pagamento in maniera digitale. Attualmente, in Europa, oltre il 40% delle transazioni presso i terminali POS sono contactless

Un team di consulenza sui pagamenti contactless

Per raggiungere l’obiettivo Visa mette a disposizione un team ad hoc, con base a Londra e specialisti dedicati a livello locale dislocati in tutto il mondo, la cui azione prevede il supporto alla implementazione di pagamenti contactless, compresa l’assistenza e consulenza dedicata sul campo. Ma quello della consulenza è solo il primo pilastro del progetto, che ha ampiezza globale. Secondo pilastro è costituito dalle strutture. Sotto questo aspetto, Visa ha creato un modello di Mass Transit Transaction, una struttura di back office che gestisce i pagamenti in modalità contactless di qualsiasi operatore di trasporto, anche di piccole dimensioni. Il modello concepito da Visa abilita operatori, di qualsiasi dimensione, a offrire una gamma di tariffe flessibili.

Un percorso di certificazione firmato Visa

Terzo pilastro, e aspetto di particolare rilievo del programma Visa Global Transit Solutions, è il Visa Ready for Transit. Si tratta di un processo di certificazione Visa per le imprese del settore tecnologia che sviluppino sistemi per la mobilità e i trasporti di massa. Le soluzioni tecnologiche di pagamento messe a punto da imprese sviluppatrici Visa-certified assicurano agli operatori dell’industria della mobilità che queste siano conformi agli standard Visa per la sicurezza. Worldline e Vix Technology sono i primi partner che partecipano al programma Visa Ready for Transit per offrire nuove soluzioni di pagamento contactless aperte per gli operatori del settore trasporti e mobilità nel mondo.

Londra al centro del programma Visa

Lo sviluppo di future opzioni di commercio e di soluzioni a supporto di una esperienza end-to.end del consumatore che raggiunga elevati livelli di efficienza, saranno affidate al Visa Innovation Center di Londra. L’Innovation Center di Londra sarà il centro di Visa per lo studio di nuove soluzioni nell’industria dei trasporti che, oltre al trasporto di massa, spazieranno in ambito automotive e nella mobilità aerea, oltre che all’esplorazione di altri settori. L’obiettivo è quello di analizzare tutti gli aspetti legati al trasporto dei consumatori e sviluppare nuove e migliori esperienze di viaggio in ottica di co-creation.

Visa e Transport for London

«Visa ha giocato un ruolo preponderante nel collaborare con TfL Transport for London – la rete di trasporti sotterranei e di superficie di Londra – per la penetrazione dei pagamenti contactless, che recentemente ha portato al superamento del miliardo di viaggi pagati proprio in modalità senza contatto. Abbiamo dunque voluto rendere disponibile questa nostra expertise maturata con TfL agli operatori del settore dei trasporti pubblici, o in generale ad alta frequenza di tutto il mondo, per supportarli nel passaggio dal biglietto fisico e pagamenti in contanti ai pagamenti senza contatto per autobus, metropolitane e treni», ha affermato Lemberger, Head of Products di Visa in Europa.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Optibus apre una nuova sede a Roma

Optibus ha annunciato oggi l’apertura di una nuova sede nell’Europa meridionale a Roma, in Italia. Piattaforma di intelligenza artificiale cloud-native nata a Tel Aviv nel 2014 – e ora utilizzata in oltre mille città in Europa, America (del Sud e del Nord, dove ha appena acquisito Trilli...
Smart