In Lombardia arrivano gli aiuti anche per le società di autobus che effettuano collegamenti con gli aeroporti. La Commissione Territorio del Pirellone ha infatti concesso una deroga: le società potranno far circolare anche mezzi più vecchi di 6 anni.

Società di autobus per aeroporti, la deroga e gli aiuti

Il Covid e le lunghe restrizioni hanno negativamente impattato su tanti settori produttivi, tra questi anche le società con autobus che fanno collegamento con gli aeroporti civili e che hanno denunciato pesanti difficoltà economiche dovute all’emergenza epidemiologica che ha paralizzato gli aeroporti e dunque il traffico aereo, chiedendo aiuti per il settore.

Per venire incontro alla categoria, stamattina la Commissione Territorio del Consiglio regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità le modifiche al Regolamento regionale sulla Disciplina dei servizi di collegamento (relatrice Silvia Scurati della Lega).

La norma introduce per gli anni 2021-2022 una deroga grazie alla quale le società potranno continuare ad operare anche se gli autobus da loro posseduti hanno una immatricolazione superiore ai 6 anni.

«In questo modo – ha sottolineato la relatrice Scurati –  queste imprese avranno il tempo necessario per programmare, con la ripartenza e l’operatività degli aeroporti, il riavvio degli investimenti per la sostituzione dei bus. In pratica queste società avranno l’obbligo di possedere tutti i requisiti previsti dal Regolamento ad eccezione di quello relativo al possesso di autobus immatricolati da non più di sei anni».

In primo piano

Articoli correlati

CheckMyBus annuncia la partnership con Kayak

Il motore di ricerca autobus CheckMyBus annuncia una nuova partnership: grazie alla collaborazione con il portale di viaggi Kayak, fornirà agli utenti di tutto il mondo il database più completo per viaggiare ed esplorare il mondo in autobus, tutto su una singola piattaforma.