Gara per il tpl di Savona, si afferma l’ipotesi di una partnership tra Tpl Linea e Busitalia. La scadenza dei termini è il 31 marzo. La notizia è riportata sul quotidiano ligure “Il secolo XIX”. La gara ha creato un dissidio tra lavoratori e istituzioni, con sindacati duramente contrari alla messa a gara del servizio.

Tpl Linea e Busitalia

Il presidente di Tpl Linea Claudio Strinati, intervistato dal quotidiano, ha affermato che l’azienda è attrezzata a rispondere al bando. «Con la pubblicazione del bilancio, a giorni, – queste le parole affidate da Strinati a “Il secolo XIX” – dimostreremo ancora una volta che Tpl è sana e in attivo. Il 31 marzo noi ci saremo, a meno che gli enti proprietari non facciano una marcia indietro rispetto alla decisione di bandire la gara e imbocchino un’altra via. In caso contrario, noi ci saremo con una formula su cui stiamo lavorando». L’allusione sarebbe, secondo le indiscrezioni, all’ipotesi di una partnership con Busitalia. È convinzione diffusa che Tpl Linea da sola non sia in grado di concorrere al bando pubblicato a inizio anno, per un valore di 146 milioni di euro.

Sindacati contrari alla gara

La scelta della Regione non è andata giù ai sindacati, che confidavano in un affidamento in house a Tpl Linea, sul modello Genova e Abruzzo. Un’ipotesi tramontata a causa dell’insostenibilità dei costi per i Comuni detentori di quote dell’azienda: troppi i 17 milioni di euro necessari per la gestione annuale. I sindacati hanno chiesto l’inserimento nel bando della clausola sociale, ovvero l’impegno del nuovo gestore ad assumere l’intero organico. Tra i requisiti per poter prender parte alla gara vi è il possesso di un patrimonio netto di almeno 2,2 milioni di euro ed un fatturato medio annuo di 11,7 milioni. Ogni tentativo di conciliazione con i sindacati è andato incontro a un inesorabile fallimento. Da una parte, Provincia e Comune hanno riaffermato «l’impossibilità economica e politica di proseguire nella direzione dell’in house», come ribadito alla stampa dalla presidente della Provincia, Monica Giuliano, e dall’assessore Piero Santi per il Comune di Savona. Dall’altra i sindacati, contrari all’ingresso di privati, considerano «la gara come una privatizzazione secca». E ora spunta il fantasma di Busitalia, che secondo gli informati potrebbe prender parte alla gara in partnership con l’attuale gestore Tpl Linea.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

AIR Campania, quante novità: 100 bus e una nuova autostazione

Air Campania si dice “pronta a guidare il cambiamento della mobilità regionale“. Sono in arrivo altri 100 bus alle aziende regionali di trasporto pubblico locale. Questa mattina ad Avellino il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, insieme al presidente della Commissione regionale...
Tpl