La Conerobus, società partecipata del Comune di Ancona per la mobilità intercomunale, dà il via alla sperimentazione di un innovativo sistema anticollisione, pensato appositamente per segnalare ai conducenti dei mezzi pubblici situazioni di pericolo mentre sono al volante. Questa tecnologia, messa a punto dalla società israeliana Mobileye specializzata nello sviluppo di soluzioni avanzate per l’assistenza alla guida, è già utilizzata all’estero e grazie alla sperimentazione di Conerobus viene impiegata nel trasporto pubblico locale per la prima volta in Italia. “L’obiettivo – ha spiegato il presidente Maurizio Papaveri – è prevenire gli incidenti per garantire sempre più la sicurezza ai nostri utenti, ai nostri autisti, ai pedoni e a chi circola su altri mezzi. Grazie a questa sperimentazione, avremo anche la mappatura dei rischi lungo i percorsi degli autobus e potremo mettere a punto eventuali correttivi unitamente all’amministrazione comunale”.

Conerobus

Conerobus stringe con Swarco Mizar

Secondo l’accordo stretto da Conerobus con Swarco Mizar, la sperimentazione verrà avviata su due autobus della rete urbana, collocati sulla stessa linea, dove verrà installato il dispositivo anticollisione. Il sistema segnala in particolare pericoli di tamponamento, di investimento di pedoni, rileva il mantenimento della distanza di sicurezza, il rispetto dei limiti di velocità e offre assistenza nel mantenimento della corsia di marcia. Gli strumenti installati sui bus sono composti da due unità: una telecamera ad altissima risoluzione, posizionata sul parabrezza del veicolo e dotata di un processore capace di analizzare le immagini in tempo reale, e un minidisplay da cruscotto per mostrare al conducente il tipo di alert. Il dispositivo fornisce avvisi visivi e acustici, attraverso i quali avverte l’autista della presenza di potenziali scenari di pericolo, dandogli il tempo di reagire. A bordo di uno dei due bus verranno installate ulteriori due minicamere nelle parti laterali del veicolo.

Conerobus sperimenta per 5 anni

La sperimentazione durerà 5 mesi. Inizialmente il sistema di avviso al conducente non verrà attivato, per poi passare ad una seconda fase di prova con alert. L’intenzione è di mettere a confronto i dati raccolti nelle due fasi, per valutare i punti più pericolosi dei percorsi effettuati ed eventuali miglioramenti delle condizioni di guida in sicurezza. Questa tecnologia si basa sull’efficacia degli alert in presenza di pericolo immediato. Secondo statistiche riportate dalla Swarco Mizar, il fattore umano è responsabile del 93% degli incidenti stradali e, di questi, l’80% è dovuto a disattenzione durante i 3 secondi che precedono la collisione (fonte: National Highway Traffic Safety Administration, agenzia governativa statunitense); un avvertimento preventivo di almeno 2 secondi consentirebbe di scongiurare fino almeno il 98% delle collisioni (fonte: gruppo assicurativo AXA). I conducenti di trasporto pubblico sono esposti ad ulteriori fattori di rischio, come la presenza di angoli ciechi, corsie miste e restringimenti di carreggiata, o come la disattenzione di passeggeri appena scesi dal bus e dei conducenti di altri veicoli.

Articoli correlati

ANM approva il bilancio 2021: è il quarto consecutivo in utile

È stato approvato il bilancio 2021 dell’ANM con un utile di 15,8 milioni di euro nonostante il numero di passeggeri trasportati nel 2021 sia rimasto ancora fortemente influenzato dalla misure emergenziali, con la conseguente contrazione dei ricavi da traffico. Si tratta del quarto bilancio consecuti...

Cambiano i vertici di Tua Abruzzo

Gianfranco Giuliante e Guido Cerolini Forlini in uscita, Gabriele De Angelis e Pasquale di Nardo in entrata: cambiano così i vertici di Tua Abruzzo, la società di trasporti regionale della regione adriatica. «Esprimo piena soddisfazione per il lavoro svolto dal consiglio di amministrazione di Tua in...