Nuovi autobus entro un mese: Busitalia Campania, rilevata Cstp di Salerno, punta al rinnovo del parco mezzi. La notizia è apparsa sulla stampa locale nei giorni scorsi. Venti nuovi bus di varie dimensioni sono destinati a entrare presto in servizio. Entro aprile arriveranno anche gli Iveco Crossway, e altri investimenti coinvolgeranno le infrastrutture tecnologiche (tabelloni alle fermate). L’inizio della rinascita per il claudicante tpl della zona?

Salerno, università e borghi nel mirino di Busitalia

I venti nuovi pullman sono destinati sia alle linee urbane che extraurbane. Si tratterebbe di un'”immissione in ruolo” che coinvolge veicoli di diverse dimensioni e tipologie d’impiego. Verrà dedicata attenzione ai collegamenti con l’università degli studi di Salerno, ma tra le aree in cui il tpl sarà implementato figurano anche i rioni collinari di Matierno e Ogliara. Entro aprile scenderanno in strada i Crossway da 12 metri, che verranno utilizzati per il servizio extraurbano. Sono le mosse di Busitalia Campania, che ha acquistato Cstp in amministrazione controllata dando il via a una nuova era per il tpl del capoluogo e dintorni. L’ex azienda pubblica, del resto, era stata dichiarata insolvente nel 2013 dal tribunale. La procedura di vendita è poi andata per le lunghe. La gara si è conclusa con un’unica busta: qulla di Busitalia Campania, per l’appunto.

Un piano di investimenti per bus e tecnologia

Il piano di investimenti presentato a suo tempo dall’azienda, che fa capo ad Fs, chiama in causa investimenti importanti: la flotta, attualmente di 270 bus, dovrebbe giovarsi dell’aggiunta di 59 nuovi mezzi. L’investimento? 9,2 milioni di euro, comprensivi di 250mila euro che verranno destinati al restyling tecnologico. La prima mossa sarà la realizzazione di tabelloni alle fermate, volti a fornire in tempo reale le informazioni agli utenti e migliorare il livello e la qualità del servizio offerto.

Per saperne di più sulle strategie di Busitalia, che si sta guadagnando uno spazio sempre più da protagonista nel panorama del tpl (presto non solo) italiano, guarda la video intervista all’amministratore delegato Stefano Rossi!

 

In primo piano

Rampini, Eltron e Hydron: quando il midibus (sostenibile) è flessibile

Una gamma da 8 metri, declinata nelle due tecnologie che stanno rivoluzionando il comparto del trasporto persone: Eltron e Hydron sono, rispettivamente, la risposta di Rampini alle sfide poste della transizione energetica in elettrico e a idrogeno.  Il costruttore italiano, da Passignano sul Tr...

Articoli correlati

La transizione di ATB Bergamo, che ha il 74% della flotta diesel free

Diciotto nuovi bus a basse emissioni che avvicinano ATB Bergamo all’obiettivo di una flotta diesel free: nelle scorse settimane, infatti, sono stati introdotti 17 autobus a metano IIA Citymood e uno, sempre a metano, Otokar Kent C.   L’acquisto dei 18 Classe I rientra nel piano aziendale di rinnovo ...
Tpl

Gianpiero Strisciuglio, AD di RFI, è il nuovo Presidente di Agens

Cambio ai vertici di Agens: Gianpiero Strisciuglio, già AD e DG di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS, è il nuovo Presidente dell’associazione del trasporto pubblico di Confindustria alla quale aderiscono, oltre al Gruppo Ferrovie dello Stato, le principali aziende del...
Tpl