Diciotto aziende con un unico biglietto. A dirsi parrebbe un sogno, ma è quanto avviene con il sistema Bip, tecnologia che permette la bigliettazione con 18 società di trasporto pubblico differenti. Il sistema identifica il tragitto percorso, il cui costo viene successivamente attribuito, attraverso un sistema di clearing, alle aziende che svolgono il servizio sulle diverse tratte. Quando si sale sul bus viene addebitata la tariffa intera fino al capolinea, mentre all’uscita viene riaccreditato sul Bip ciò che non si è utilizzato. Secondo quanto dichiarato dall’Amministratore Delegato di Grandabus, Mauro Paoletti, e da Manfredo Losco di Pluservice, due degli operatori che hanno adottato il Bip, il sistema permette di offrire servizi sempre più in linea con le esigenze dei viaggiatori. A lato del sistema è stata introdotta la validazione obbligatoria per tutti i viaggiatori e la bigliettazione elettronica anche per i biglietti di singola corsa, eliminando definitivamente il cartaceo.

 

 

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Optibus apre una nuova sede a Roma

Optibus ha annunciato oggi l’apertura di una nuova sede nell’Europa meridionale a Roma, in Italia. Piattaforma di intelligenza artificiale cloud-native nata a Tel Aviv nel 2014 – e ora utilizzata in oltre mille città in Europa, America (del Sud e del Nord, dove ha appena acquisito Trilli...
Smart