Il bilancio di esercizio 2017 di Cotral Spa si è chiuso con un utile netto di 17 milioni di euro. L’approvazione è avvenuta nella seduta odierna dell’Assemblea del Soci. Un risultato che conferma e migliora quello già positivo del 2016, mai raggiunto nella storia dell’azienda, reso possibile dal rigoroso lavoro di risanamento portato avanti nell’ultimo triennio. Un risanamento anche legato al lavoro del direttore Arrigo Giana, poi passato in forza ad Atm Milano.

cotral

Cotral, servizio rilanciato negli ultimi 3 anni

Il risanamento di Cotral non ha impedito di preservare i livelli occupazionali e di rilanciare il servizio. Dal 2016 ad oggi sono stati messi su strada 427 nuovi bus (hanno fatto notizia le maxi commesse per interurbani finita a Solaris e quella per i Classe II double decker andata a Man – Neoplan. E negli ultimi giorni sono state aperte le buste di un’ultima gara da 400 autobus), la regolarità delle corse ha raggiunto il 99%, sono stati realizzati nuovi depositi e riqualificati i luoghi di attesa per la clientela.
E pensare che solo tre anni fa, correva l’anno 2015, Cotral bandiva gare senza avere i soldi

Colaceci: merito del lavoro di squadra

“L’incremento dei ricavi – dichiara la Presidente di Cotral Amalia Colaceci (qui intervistata da AUTOBUS) – in combinazione alla costante riduzione dei costi, attuata grazie ad importanti azioni strutturali, coerenti con il piano industriale che resta lo strumento principe per il governo delle società, anche pubbliche, ha permesso questo straordinario risultato sul quale, solo tre anni e mezzo fa in pochi avrebbero scommesso. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro di squadra del quale ringrazio tutti i dipendenti dell’azienda, la Regione Lazio e le organizzazioni sindacali che hanno creduto con noi che questo fosse possibile. Oggi Cotral con i propri risparmi contribuisce a mettere a disposizione risorse che potranno essere impiegate nell’interesse di tutti i cittadini del Lazio.”

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati

Ataf Foggia, in arrivo 46 bus a metano: 34 Iveco e 12 Otokar

Quarantasei nuovi autobus surburbani alimentati a metano per Ataf Foggia, grazie ai fondi complementati al Pnrr. Entrando nello specifico dei 46 nuovi ingressi nella flotta dell’operatore di tpl della città del Gargano, si tratta di 32 mezzi Iveco Bus e 12 Otokar. E non è finita qui, visto che...

Air Campania, consegnati altri 16 mezzi a metano: sono tutti Iveco

Continua il piano di rinnovo delle flotte aziendali delle società di trasporto pubblico locale avviato dalla Regione Campania con l’obiettivo di migliorare la mobilità urbana e ridurre l’impatto ambientale. Sono stati consegnati ad AIR Campania altri 16 nuovi autobus, tutti firmati Iveco, e tutti al...

Busitalia, in arrivo a Padova 112 bus a metano, 63 elettrici e 54 autisti

175 autobus ecologici, 112 a metano, 63 elettrici e 50 autisti: Busitalia Padova rinnova la propria flotta urbana ed extraurbana, e rafforza anche l’organico di conducenti, grazie a 76 milioni di euro di finanziamenti ministeriali ed europei. A darne notizia ci ha pensato Sergio Giordani, pres...
Tpl