Via libera ad Fs nel controllo della metro 5 milanese: Atm non eserciterà alcun diritto di prelazione. Lo ha ufficializzato il Comune. Una notizia scontata? Forse. Ma sta di fatto che solo ora può essere dato per certo il rivoluzionario passo compiuto da Fs: è la prima volta che una linea di metropolitana entra nel “pacchetto” posseduto dalle ferrovie. Una mossa coerente col piano di espansione dell’azienda annunciato nell’autunno scorso, all’interno del quale la controllata Busitalia sta giocando un ruolo, come noto, da protagonista.

Per la prima volta le ferrovie controllano una metro

Fs ha fatto sue, nel dicembre scorso, gran parte delle quote possedute da Astaldi all’interno di M5 spa, società che gestisce, appunto, l’ultima linea metropolitana inaugurata a Milano, contraddistinta dal colore lilla e dai treni senza conducente. Un investimento da 64,5 milioni. Fs ora detiene il 36,7 per cento delle quote della società, ed è il primo azionista. Astaldi se ne è tenuta una “fettina” del 2 per cento.

E se arrivasse anche il matrimonio Atm-Trenord?

Nei giorni scorsi il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha comunicato ai capigruppo che sostengono la maggioranza in consiglio che Atm non eserciterà il diritto di prelazione sulle quote detenute da Astaldi. Lo scrive “Il Giorno”. Tradotto: via libera ad Fs. Gli altri azionisti della metro 5 sono Ansaldo Sts col 24,6 per cento, Hitachi Rail Italy (ex Ansaldo Breda) col 7,3 per cento, Alstom Ferroviaria col 9,4 per cento e, come anticipato, Atm col 20 per cento. La politica milanese è divisa sulla mossa di non intervento compiuta dal municipio: il sospetto è che l’ingresso di Fs nella metro Lilla sia il punto di partenza di una penetrazione più profonda delle ferrovie nel sistema di trasporto pubblico milanese. Una preoccupazione più che sensata: allo studio vi è la fusione tra Atm e Trenord, che porterebbe Fs ad allungare le proprie mani anche sulle linee di bus cittadine. Una prospettiva sostenuta dalla Regione, mentre il Comune ha una posizione più tiepida. Intanto, le ferrovie si son prese un pezzetto di metro.

 

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Téléo, nasce a Tolosa la più estesa cabinovia urbana d’Europa

Scavalca una collina, oltrepassa la tangenziale e il fiume Garonna, collega l’università Paul-Sabatier all’istituto di ricerca Oncopole, attraverso il centro ospedaliero di Rangueil, il tutto trasportando ottomila viaggiatori al giorno. A percorrere lo stesso tratto di tre chilometri, un...
Tpl

Veneto, ecco Garda Link: treno più bus da Verona al Lago

Un unico biglietto, acquistabile dal portale di Trenitalia, consente di arrivare in treno alla stazione di Verona Porta Nuova e salire su uno degli autobus dell’azienda veronese Atv che ogni trenta minuti effettuano i collegamenti giornalieri con tutte le località turistiche della sponda orien...

Air Campania, la vendita dei biglietti ora anche nei centri Puntolis

Grazie all’accordo tra Unicocampania, Servizi in Rete 2001 srl e Air Campania arriva in tutte le tabaccherie Puntolis una nuova modalità di acquisto dei titoli di viaggio per il trasporto pubblico locale. Parte il 22 giugno, in via sperimentale sulle linee dell’operatore regionale campan...
Tpl