autobus atm

Trenord e Atm: questo matrimonio s’avrà da fare? Il tavolo tra Fs, Ferrovie Nord Milano e Comune per riflettere sulla maxi fusione si è aggiornato settimana scorsa. Entro un mese si saprà se Milano vedrà effettivamente la nascita di una holding dei trasporti con un fatturato totale da due miliardi di euro. L’incremento degli investimenti, secondo le previsioni ufficiose, potrebbe portare a Milano 1.200 autobus e 90 nuovi treni. Lo scrive il “Corriere della Sera”.

Nessuno eserciterà un potere esclusivo

Un aspetto è certo, dopo esser stato affrontato proprio nell’ultima riunioni: se la nuova società vedrà effettivamente la luce, le quote saranno equamente divise tra i tre soci. Fs avrebbe voluto avere una posizione forte nella nuova società, come vuole la strategia aggressiva del nuovo piano industriale della società diretta da Mazzoncini (che ha già fatto sua la metro 5 di Milano). Niente da fare. Nessuno dovrà poter esercitare un potere esclusivo sulla società. Sta di fatto che il polo unico Atm-Trenord figurerebbe al nono posto tra i gruppi di trasporto pubblico europei.

Il Comune vuole vederci chiaro

Sull’argomento si consuma una divergenza politica. La Regione (azionista di maggioranza del gruppo Ferrovie Nord Milano, che a sua volta insieme ad Fs controlla Trenord) è un grande sponsor dell’operazione: ritiene che la fusione sia strategica dal punto di vista dell’intero sistema di trasporto lombardo. Il Comune vuole vederci chiaro, studiando con attenzione la situazione finanziaria delle due società. Le tre parti, per l’appunto, si sono prese un mese di tempo. Quattro settimane che verranno utilizzate per valutare cifre alla mano la convenienza della fusione. Il “Corriere” riporta qualche dato: l’ebidta potrebbe valere 320 milioni di euro, il taglio dei costi potrebbe assestarsi tra i 20 e i 50 milioni di euro. Gli investimenti ne gioverebbero, aumentando di una cifra compresa tra i 700 milioni e il miliardo e mezzo di euro. Potenzialmente 1.200 autobus e 90 treni nuovi. Tra gli obiettivi ci sarebbero anche integrazione tariffaria, razionalizzazione dei servizi, intermodalità, il progetto di mobilità integrata che mette insieme ferrovia e car sharing ecologico.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Tpl Linea approva il piano industriale

L’assemblea dei soci di Tpl Linea, azienda del trasporto pubblico locale in provincia di Savona, ha dato il via libera al Bilancio di esercizio 2021 che chiude in utile nonostante il periodo pandemico e ha approvato l’aggiornamento del Piano industriale, atto primario per procedere con l...

Anav: «Dai bus del tpl solo lo 0,5% delle emissioni»

Gli autobus impegnati nei servizi di tpl in Italia sono responsabili appena dello 0,5% delle emissioni climalteranti. Un dato forse sorprendente, in positivo, che è contenuto nello studio dedicato alla transizione energetica del tpl, condotto dal Politecnico di Milano, presentato in occasione del co...