Atb Bergamo dirama i risultati dell’indagine di Customer Satisfaction 2018. Dalla quale l’azienda di tpl esce promossa col 7. Crescono mediamente tutti i giudizi espressi dalla clientela Atb, sempre più orientata all’utilizzo di dispositivi smart e di soluzioni tecnologiche che facilitano l’accesso alle informazioni di viaggio e migliorano la qualità dei servizi offerti.

Atb Bergamo Mobilità

Il profilo dell’utente Atb

Secondo il rilevamento dei giudizi sul servizio, la clientela si conferma fortemente consolidata e in linea con i risultati delle ultime indagini sulla soddisfazione dei clienti: il 55,3% (52,9% nel 2017) degli intervistati dichiara di utilizzare il servizio Atb da più di 5 anni e il 9,3% dal 2018, spiega Atb in una nota stampa. In linea con i risultati della precedente Customer, la metà degli intervistati, il 50,6% (+ 0,4 % dal 2017), utilizza più di una linea per raggiungere la propria meta abituale.

Linea C sotto i riflettori

Nell’analisi 2018, Atb ha inoltre indagato la notorietà e il gradimento delle 16 pensiline Smart della Linea C attrezzate con  i dispositivi e servizi di connettività di ultima generazioneIl 44,6% degli intervistati dichiara di conoscere le nuove pensiline digitali e il 29% di questi di utilizzare i nuovi monitor touch per accedere alle applicazioni dedicate alle principali informazioni di servizio e turistiche: l’app Calcola percorso registra il 69,7% degli utilizzi, le Breaking news il 21,8% e l’app dedicata all’Ultimo minuto Atb il 18,3%. L’85,2% di quanti hanno utilizzato almeno una volta i nuovi dispositivi ritiene il servizio utile. Inoltre, il 41,5% degli intervistati predilige i servizi tecnologici Atb per la ricerca di informazioni su linee, abbonamenti e orari.

La frequenza dell’utilizzo del mezzo Atb rivela che il 34,8% degli intervistati (31% nel 2017) utilizza il mezzo pubblico mediamente tutti i giorni, il 30,4% solo nei giorni feriali e il 22,7% occasionalmente in settimana.

E la soddisfazione?

Il giudizio complessivo sulla qualità del servizio è positivo per il 91% degli intervistati (+ 6% rispetto al 2017) che hanno espresso un voto medio di soddisfazione pari a 7,2 (6,9 l’anno precedente). In particolare la disponibilità del servizio (copertura del territorio, posizione delle fermate, facilità di acquisto dei biglietti) è valutata con un punteggio di 7,8.  Al secondo posto il giudizio sull’informazione 7,7; a seguire l’impatto ambientale 7,4 e i rapporti con l’utenza 7,3.

Bocciato l’affollamento dei mezzi

A contribuire a raggiungere queste valutazioni positive sono: la riconoscibilità del personale (8,5), la facilità di munirsi dei biglietti e degli abbonamenti (8,1), la posizione delle fermate e dei collegamenti e il rispetto-comportamento dei verificatori dei titoli di viaggio (7,8), la facilità di trovare le informazioni sulla rete e gli orari (7,7), la copertura efficace del territorio servito, la possibilità di acquistare titoli di viaggio online, l’accessibilità dei mezzi ai diversamente abili e le informazioni alle fermate (tutte valutate 7,6). Solo l’affollamento dei mezzi si conferma al di sotto della sufficienza con un voto medio di 5,4 (5,6 nel 2017).

Mille intervistati tra i passeggeri Atb

L’indagine, realizzata dalla società Datacontact, oltre a tratteggiare il profilo del cittadino che utilizza il mezzo pubblico, misura il livello di soddisfazione dei clienti, le loro aspettative e le principali criticità verso cui orientare scelte e investimenti aziendali. In continuità con le precedenti indagini, fa presente Atb in una nota stampa, l’azienda ha seguito la direttiva regionale (Delibera n° X/2380 del 19 settembre 2014) che definisce le linee guida per lo svolgimento delle indagini di rilevazione della soddisfazione dell’utenza del trasporto pubblico, al fine di garantire uniformità e confrontabilità dei risultati (normativa europea UNI EN 13816 e UNI 11098). L’indagine è stata effettuata durante il mese di novembre 2018 su un campione di 1.100 interviste – telefoniche e face to face – rivolte ai clienti abbonati e occasionali del servizio di trasporto pubblico locale.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...

A Lecce 13 nuovi autobus Euro6 per il trasporto pubblico

A Lecce sono appena stati consegnati alla sede di Sgm, pronti per entrare in servizio, i 13 nuovi autobus Euro6 diesel acquistati grazie alle risorse erogate dalla Regione Puglia con il bando Smart Go City per l’ammodernamento del parco mezzi del Trasporto pubblico locale. I nuovi autobus andranno a...
Tpl

Controlli intensivi sugli autobus Amt: su almeno 1000 passeggeri

In centro città a Genova, sugli autobus Amt, i controlli si susseguono intensivi per verificare eventuali evasioni. Una squadra di ben 13 Verificatori Titoli di Viaggio di AMT è scesa infatti in campo in piazza della Nunziata per controllare le linee 18, 20, 34, 35, 39, 40 e la linea F2, servizio so...
Tpl