Atb Bergamo, la prima azienda di trasporto ad aver lanciato una linea di autobus full electric, ha chiuso il 2017 con un utile di bilancio di 2,8 milioni di euro (nel 2016 era stato 3 milioni), con un valore della produzione in crescita dai 30,82 milioni del 2016 a quota 31,65. Un incremento del 2,8 per cento. Aumentano i ricavi da tariffa e i passeggeri trasportati, ma anche i costi della produzione dell’esercizio.

autobus elettrico solaris urbino atb bergamo linea c

Il bilancio 2017 di Atb pronto per l’approvazione

Il Consiglio di Amministrazione di ATB Servizi S.p.A ha varato il progetto di Bilancio dell’esercizio 2017, che verrà presentato per approvazione all’Assemblea degli Azionisti il prossimo 26 aprile. Secondo quanto si legge nella nota diramata da Atb, il Bilancio consuntivo 2017 di ATB Servizi S.p.A., la Società del Gruppo che gestisce il servizio di trasporto pubblico nell’area urbana del Comune di Bergamo e 27 Comuni limitrofi, si chiude con un utile di € 2,8 milioni. Il valore della produzione (rappresentato da ricavi delle vendite e delle prestazioni, contributi ed altri proventi) passa da € 30,82 milioni del 2016 a € 31,65 milioni nel 2017, con un incremento del 2,8% rispetto all’anno precedente. I ricavi della gestione caratteristica nel 2017 ammontano a € 23,53 milioni (€ 23,15 milioni al 31 dicembre 2016), registrando una variazione positiva del 1,7%, di cui la parte prevalente è rappresentata da introiti derivanti dalla vendita di biglietti e tesserini multi corse.

Atb Bergamo, più passeggeri

In particolare, i ricavi da tariffa passano da € 13,77 milioni a € 14,38 milioni, facendo registrare un incremento del 4,9% rispetto al precedente esercizio, in ragione del significativo incremento di biglietti e tesserini (7,80%) e di una sostanziale tenuta degli abbonamenti (0,27%). In aumento anche il numero dei passeggeri annui che passano da € 29,8 a € 30,9 milioni (+ 3,7 %). L’attività di recupero dell’evasione tariffaria con il forte impegno organizzativo e di risorse messo in campo ha consentito di registrare incassi da penalità utenti per € 520 mila, in incremento (1,81%) rispetto all’anno precedente (€ 511 mila).

Aumentano anche i costi

Nel complesso, i costi della produzione dell’esercizio 2017 ammontano a € 28 milioni (€ 27,18 milioni nel 2016), con un incremento del 2,9 % dovuto sostanzialmente a maggiori costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci (+ 13,6%). Il risultato operativo è lievemente aumentato rispetto all’anno precedente, passando da € 5 milioni nel 2016 a € 5,1 milioni nel 2017. Il margine lordo operativo registra un modesto incremento passando da € 3,63 milioni nel 2016 a € 3,70 milioni nel 2017. Il patrimonio netto registra un incremento significativo passando da € 13 milioni nel 2016 a € 15 milioni nel 2017.

Percorrenze stabili per Atb Bergamo

Le percorrenze complessive di servizio effettuate nel corso del 2017 da ATB Consorzio, di cui ATB Servizi S.p.A. detiene il 83%, risultano pari a 6,170 milioni bus/Km, sostanzialmente invariate rispetto all’anno precedente (6,175 milioni bus/km). Il servizio copre l’area urbana di Bergamo, che comprende la città capoluogo e altri 27 Comuni dell’hinterland con una popolazione complessiva di oltre 320 mila abitanti, circa un terzo dell’intera popolazione provinciale. Una delle novità più significative del 2017 è stata l’intensificazione delle corse estive festive del pomeriggio. In particolare, le corse delle Linee 6 e 8 hanno raggiunto una frequenza di 11 minuti anziché 22 minuti (rispettivamente da Colognola a zona Stadio e da Longuelo a Porta Nuova).

Atb Bergamo, non solo elettrico: cinque nuovi bus diesel

Nel corso del 2017 sono stati immatricolati cinque nuovi autobus: 3 a gasolio di lunghezza pari a 13,7 metri, capaci di offrire un carico maggiore del 20% rispetto un normale 12 metri, e 2 autobus piccoli di lunghezza pari a 7,7 metri. I 3 autobus lunghi sono stati impiegati sulla Linea 8 per ridurre l’affollamento di alcune corse soprattutto negli orari di punta. Tutti gli autobus sono stati acquistati in autofinanziamento. L’organico complessivo, alla data di chiusura dell’esercizio è di 321 dipendenti, di cui 2 dirigenti.

Clienti soddisfatti

Anche nel corso del 2017, si legge sempre nella nota di Atb Bergamo, è stata effettuata la consueta indagine di Customer Satisfaction finalizzata a verificare il grado di soddisfazione della clientela relativamente ai principali fattori di qualità del servizio (affidabilità, puntualità, comfort, etc.). I risultati sono stati positivi ed in linea con gli altri anni. Tra gli elementi ritenuti maggiormente soddisfacenti dai cittadini si segnalano: la riconoscibilità del personale in divisa aziendale (7,7), la facilità di munirsi dei biglietti e degli abbonamenti (da 7,5 del 2016 a 7,7 del 2017), la posizione delle fermate e dei collegamenti (7,4), la facilità di trovare informazioni sulla rete e gli orari (7,4). Si registrano infine punteggi alti per: la copertura efficace del territorio servito (7,3), la possibilità di acquistare titoli di viaggio integrati (da 7,1 nel 2016 a 7,3 nel 2017) e le informazioni alle fermate con video e cartelli (7,2). Tra gli altri valori più significativi si segnala: l’impegno e il rispetto per l’ambiente, con un livello di soddisfazione pari al punteggio di 7,1, il funzionamento degli strumenti operativi di bordo (da 7,0 del 2016 a 7,1 del 2017), la sicurezza a bordo (furti, molestie, etc.), che raggiunge il livello di soddisfazione pari al punteggio medio di 7,1, e la cortesia del personale di guida (7,0). Il giudizio espresso sul servizio ATB alla domenica è pari a 7,3, in linea con il risultato 2016 e più alto del valore espresso durante i giorni feriali, che ottiene un voto medio di soddisfazione pari a 6,9.

Atb Bergamo, tempo di investimenti

Nel corso dell’esercizio sono stati realizzati investimenti in immobilizzazioni materiali per complessivi € 5,43 milioni, mentre gli ammortamenti a carico dell’esercizio ammontano ad € 1,40 milioni. In particolare, le acquisizioni si riferiscono, per € 224 mila ad impianti e macchinari, per € 4,54 milioni ad attrezzature industriali, per € 10,8 mila ad altri beni, oltre ad acconti sulla fornitura di autobus per € 652 mila. Nel 2017 è stata aggiudicata alla società Solaris la gara per l’acquisto di 12 autobus elettrici: il Gruppo ATB ha sviluppato uno dei progetti più importanti degli ultimi decenni, la nuova Linea C, effettuata con autobus “full electric” ed attivata con successo nel mese di febbraio 2018.

Linea C, gli autobus elettrici salgono in cattedra

Il progetto della Linea C, che ha coinvolto tutti i settori aziendali, ha contemplato una prima fase di studi e di progettazione a cui è seguita un’intensa fase di messa a punto delle diverse componenti del nuovo sistema: l’acquisto di 12 autobus mediante procedura di gara internazionale, l’individuazione e realizzazione di nuovi tratti di corsie preferenziali sul percorso, la ridefinizione dei contratti con il gruppo IGP-Decaux per la fornitura e l’installazione di 16 pensiline “smart” di ultima generazione. Si è trattato di un evento di rilevanza nazionale ed internazionale che ha collocato il Gruppo ATB all’avanguardia nel campo dell’innovazione tecnologica nel settore del TPL e dei moderni sistemi di mobilità. Il programma di investimenti avviato nel 2017 prevede oltre all’acquisto di nuovi autobus, anche l’acquisizione e lo sviluppo di nuovi strumenti tecnologici per la programmazione e gestione del servizio tra cui un moderno sistema di bigliettazione elettronico.

La sfida della gara di servizio

La sfida più complessa per lo sviluppo di ATB Servizi S.p.A. è rappresentata dalle gare per l’affidamento del servizio di bacino, le quali si porranno anche l’obiettivo di spingere le aziende lombarde di Trasporto Pubblico Locale (TPL) ad allearsi per coprire aree geografiche più ampie, che – come nel caso di Bergamo – avranno un’estensione provinciale. Nell’ambito del Gruppo ATB è in corso da tempo una profonda riflessione strategica sulle prospettive di ATB Servizi S.p.A. e sono già state poste in atto alcune azioni tendenti a creare reti di alleanze che possano consentire all’Azienda sia di inserirsi con successo nel processo di aggiudicazione delle gare, sia di modificare le sue condizioni strutturali di funzionamento modificando, insieme ad altre imprese, il suo livello dimensionale.

Riflessioni sull’aggregazione regionale

Il progetto di aggregazione regionale per dar vita ad un gruppo di dimensioni adeguate alle sfide dei prossimi anni, inizialmente elaborato con Brescia Trasporti, dopo un primo rallentamento dovuto all’incertezza del quadro istituzionale di riferimento, è stato oggetto nel corso del 2017 di ulteriori approfondimenti che hanno portato a ridefinirne la prospettiva e la dimensione. Nel corso del 2017 sono stati ridefiniti il progetto e la prospettiva di NTL (Nuovi Trasporti Lombardi), costituta originariamente per acquisire la quota del 45% di APAM Esercizio, Società affidataria dei servizi di TPL di Mantova. Attualmente NTL è composta pariteticamente al 50% dai gruppi ATB e Brescia Mobilità. Il progetto prevede l’ingresso del gruppo FNM nella nuova NTL che avrà, a conclusione della prima parte del progetto, una composizione così articolata: un terzo ATB, un terzo Brescia Mobilità ed un terzo FNM. Obiettivo principale è il rafforzamento delle società operative nel campo del TPL, in particolare, di ATB Servizi, Brescia Trasporti e FNMAutoservizi. Conseguentemente, è prevista una riconfigurazione delle società operative che continueranno ad essere controllate (51%) dalle Capogruppo (ATB Mobilità, Brescia Mobilità e FNM), ma che saranno partecipate al 49% da NTL. L’accordo sottoscritto prevede esplicitamente che siano i soggetti locali a partecipare direttamente alle prossime gare, decidendo in autonomia quali eventuali alleanze definire per concorrere all’aggiudicazione dei servizi alla scala territoriale. Il progetto ha alla base un piano strategico finalizzato a sviluppare un piano industriale che, mediante sinergie appropriate, riduzione dei costi e miglioramento dei ricavi, consentirà di ottimizzare la capacità di investimento per migliorare le flotte e sviluppare l’innovazione tecnologica ed organizzativa delle aziende. Nel corso degli ultimi mesi del 2017 i Consigli di Amministrazione di ATB Mobilità e di ATB Servizi hanno approvato l’accordo quadro e i documenti correlati, e nel corso del mese di marzo 2018 si è concluso l’iter amministrativo derivante dai Decreti Madia con l’approvazione da parte del Consiglio Comunale (Bergamo e Brescia) degli atti alla base del progetto. Parallelamente è in corso una specifica istruttoria anche in sede di Autorità per la Concorrenza (Antitrust).

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Dolomiti Bus, al via il servizio a chiamata Trillo a Belluno e Feltre

Il 10 giugno entrerà in vigore il nuovo orario estivo Dolomiti Bus. Dal medesimo giorno sarà anche attivo il nuovo servizio a chiamata “Trillo”. In questa fase sperimentale, il servizio interesserà le corse urbane di Belluno e Feltre, con un’estensione ai territori di Ponte nelle Alpi, Limana,...
Tpl