«Le Ztl sono ormai una realtà diffusa in tutti i principali Comuni italiani e non solo, ma le regole di accesso sono spesso difformi e disomogenee e penalizzano oltremodo la categoria dei bus turistici italiani», così Riccardo Verona, presidente Anbti Confcommercio batte i punti sul tavolo per difendere i diritti della categoria.

Il numero uno dell’Associazione Nazionale Bus Turistici Italiani prosegue: «I nostri bus turistici euro VI sono tra i mezzi di trasporto meno inquinanti in circolazione e permettono di limitare il traffico nelle città. Non siamo, dunque, più disposti ad accettare che si cerchi di far passare concetti diversi da questi».

«Il pagamento di tariffe estremamente esose per gli ingressi Ztl, non accompagnate da nessun servizio operativo e da nessun beneficio per i passeggeri e molto spesso pagate in aggiunta ad altre tasse dovute dal medesimo turista al medesimo beneficiario, il Comune, non sono più accettabili. L’Associazione Nazionale dei Bus Turistici Italiani sta moltiplicando gli sforzi sul tema mettendo in campo a livello territoriale e nazionale una serie di iniziative che siamo certi potranno contribuire all’ottenimento di condizioni più in linea con le esigenze e le legittime richieste della categoria e del turismo italiano», conclude Verona.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Il 6 febbraio FlixBus sbarca in india

Ne avevamo dato notizia la primavera scorsa, raccontandovi come FlixBus stesse lavorando per entrare anche nel mercato indiano del trasporto persone, il secondo per volumi nei viaggi in autobus. Bene, ora ci siamo: le prime corse degli autobus verde-arancio in India partiranno il 6 febbraio. Saranno...