Spain-to-plant-Rooftop-Gardens-on-Madrid-Citys-buses

La qualità dell’aria dipende dalla presenza di “polmoni verdi” non meno che dall’efficienza di un trasporto pubblico che sappia sottrarre utenza all’auto privata. Autobus e piante, insomma. Beh: le cose possono andare anche a braccetto. O meglio, una in groppa all’altra. A Madrid, ma la pensata non è pionieristica, i tetti degli autobus che circolano su due linee urbane sono diventati terreno di conquista per la vita vegetale. Il progetto “Muévete en verde“, promosso dalla Fundacion Cotec assieme all’amministrazione comunale della capitale spagnola, coltiva (mai termine fu tanto azzeccato…) l’obiettivo di dare un contributo alla pulizia dell’aria cittadina grazie a un surplus di superficie verde che si aggiunge a quella già presente nei giardini della città.

Giardini pensili a prova di bus

Ad essere interessati dalla sperimentazione sono gli autobus urbani delle linee 27 e 34, che attraversano alcune delle zone più dense di traffico e smog della città. Sui tetti sono stati applicati dei mini giardini pensili che, superato il periodo invernale, con lo sbocciare della primavera regaleranno sicuramente soddisfazioni alla vista e anche, si spera, ai polmoni. Secondo gli esperti la vegetazione messa “a bordo” dei bus potrà dare il suo contributo ad abbassare i livelli di sostanze inquinanti.

Negli Usa è attivo Bus Roots

Non è finita qui. La copertura vegetale consentirà di mantenere sotto controllo il decollo delle temperature interne del bus durante le giornate più calde. Di conseguenza, potrà essere meno utilizzata la climatizzazione, con ulteriori benefici per il dispendio di energia e di emissioni tossiche. Il costo? Secondo la rivista spagnola Autodato, si tratta di circa 2.500 euro per veicolo. Dicevamo: la trovata non è pionieristica. Negli States, infatti, il progetto Bus Roots è attivo già da quattro anni, diversi autobus urbani della rete Mta di New York sono stati allestiti all’uopo. L’obiettivo è ambizioso: quello di ottenere complessivamente 15 ettari di verde in più nella Grande mela sfruttando il tetto dei 4.500 bus che circolano nella metropoli.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Optibus apre una nuova sede a Roma

Optibus ha annunciato oggi l’apertura di una nuova sede nell’Europa meridionale a Roma, in Italia. Piattaforma di intelligenza artificiale cloud-native nata a Tel Aviv nel 2014 – e ora utilizzata in oltre mille città in Europa, America (del Sud e del Nord, dove ha appena acquisito Trilli...
Smart