Spain-to-plant-Rooftop-Gardens-on-Madrid-Citys-buses

La qualità dell’aria dipende dalla presenza di “polmoni verdi” non meno che dall’efficienza di un trasporto pubblico che sappia sottrarre utenza all’auto privata. Autobus e piante, insomma. Beh: le cose possono andare anche a braccetto. O meglio, una in groppa all’altra. A Madrid, ma la pensata non è pionieristica, i tetti degli autobus che circolano su due linee urbane sono diventati terreno di conquista per la vita vegetale. Il progetto “Muévete en verde“, promosso dalla Fundacion Cotec assieme all’amministrazione comunale della capitale spagnola, coltiva (mai termine fu tanto azzeccato…) l’obiettivo di dare un contributo alla pulizia dell’aria cittadina grazie a un surplus di superficie verde che si aggiunge a quella già presente nei giardini della città.

Giardini pensili a prova di bus

Ad essere interessati dalla sperimentazione sono gli autobus urbani delle linee 27 e 34, che attraversano alcune delle zone più dense di traffico e smog della città. Sui tetti sono stati applicati dei mini giardini pensili che, superato il periodo invernale, con lo sbocciare della primavera regaleranno sicuramente soddisfazioni alla vista e anche, si spera, ai polmoni. Secondo gli esperti la vegetazione messa “a bordo” dei bus potrà dare il suo contributo ad abbassare i livelli di sostanze inquinanti.

Negli Usa è attivo Bus Roots

Non è finita qui. La copertura vegetale consentirà di mantenere sotto controllo il decollo delle temperature interne del bus durante le giornate più calde. Di conseguenza, potrà essere meno utilizzata la climatizzazione, con ulteriori benefici per il dispendio di energia e di emissioni tossiche. Il costo? Secondo la rivista spagnola Autodato, si tratta di circa 2.500 euro per veicolo. Dicevamo: la trovata non è pionieristica. Negli States, infatti, il progetto Bus Roots è attivo già da quattro anni, diversi autobus urbani della rete Mta di New York sono stati allestiti all’uopo. L’obiettivo è ambizioso: quello di ottenere complessivamente 15 ettari di verde in più nella Grande mela sfruttando il tetto dei 4.500 bus che circolano nella metropoli.

In primo piano

Scania Citywide Lf Cng. Scoprilo in un video

Scania Citywide Lf Cng. Sostenibilità è il mantra del nostro presente e futuro. In un settore chiave come quello dei trasporti e del trasporto pubblico urbano, politica e industria stanno lavorando per una mobilità davvero sostenibile. Tra i player del settore che si stanno muovendo in questo solco ...

Articoli correlati

Torino candidata per il progetto MaaS4Italy

Torino si candida ad essere una delle prime 3 citta’ italiane a realizzare il progetto ministeriale MaaS4Italy, per il quale sono stati stanziati oltre 40 milioni nell’ambito del Pnrr per sviluppare sistemi destinati a integrare i dati della mobilita’ con quelli dei servizi e del t...

Free Now, il protagonista della nuova mobilità urbana

Free Now, piattaforma di multi-mobilità, è protagonista della ripartenza delle città italiane intercettando le nuove abitudini di mobilità urbana post-pandemia. Presente in 16 Paesi e in oltre 170 città, Free Now ha come punto centrale delle proprie strategie di sviluppo, l’introduzione di una serie...