«Penso che tra gli aspetti salienti ci sia quello di trovare soluzione alla frammentazione delle piccole aziende. Oltre, anche alle difficoltà di trovare un servizio idoneo e adeguato. Su questo aspetto dovremmo porre un’attenzione diversa. In questa professione è difficile trovar gente che voglia andare a imparare o prendere la patente per diventare conducente di mezzi pubblici. Il personale preferisce dare dimissioni o fare il camionista o altre attività diversamente remunerate. In più, siamo esposti ad aggressioni continue e costanti, soprattutto in città metropolitane, in cui ci troviamo per lo più delle volte da soli. È necessario che le aziende, laddove ci sono aggressioni, si vadano a costituire parte civile». A dichiararlo è Fabio Milloch di Ugl Autoferrotranvieri, in audizione in commissione Trasporti alla Camera sul dlgs Riordino disciplina servizi pubblici locali di rilevanza economica.

«E’ inutile sforzarsi di mettere quanti più autobus in piazza se non pensiamo anche alla viabilità delle strade e a cambiare anche le corsie preferenziali. Un altro aspetto è quello dei costi standard, bisogna mettere in condizione tutti gli attori di lavorare sullo stesso piano», conclude Milloch. 

Articoli correlati

Arst mette a gara 118 autobus ibridi (diesel)

Arst (Azienda Regionale Sarda Trasporti) ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di 118 autobus Classe I (suburbani) a trazione con alimentazione ibrida (elettrica-diesel) suddivisa in due lotti per un valore di 86,5 milioni di euro. 71,7 dei quali per il lotto numero uno per 100 mezzi da 12...

I nuovi E-Way di Iveco Bus sbarcano in Uruguay

La mobilità sostenibile ed elettrica di casa Iveco Bus arriva anche nelle strade dell’Uruguay, dove il costruttore ha portato la nuova generazione di mezzi E-Way full electric. «La sostenibilità è una priorità fondamentale per Iveco Bu. È una scelta che facciamo ogni giorno, considerando l&#82...

La storia di Franco Pala, autista del Cagliari Calcio da 6 anni

Il dodicesimo uomo del Cagliari Calcio. Non ce ne vorrà la tifoseria del Casteddu (perché solitamente il dodicesimo uomo è il pubblico della squadra), ma almeno per questa volta l’uomo in più dei rossoblù è Franco Pala. Che di professione non fa il calciatore, ma il conducente di bus. E il signor Pa...