Si è riunita oggi in Parlamento la Commissione Trasporti e le principali associazioni di categoria italiane, Agens, Asstra e Anav hanno tenuto il punto sullo stato di salute del traporto pubblico locale tricolore – stretto nella morsa dei postumi non ancora smaltiti della pandemia di covid e del caro energia – nella più ampia cornice del sistema europeo e del dlgs Riordino disciplina servizi pubblici locali di rilevanza economica.

«Serve maggior attenzione al settore dei trasporti, perché è un segmento che ha già delle sue peculiarità specifiche e oggi sta affrontando una crisi epocale causata dal Covid prima, che ha portato a un – 22% passeggeri, e dal caro energia adesso», ha dichiarato il presidente Agens Arrigo Giana. Che, dunque, ha aggiunto: «Se non mettiamo le aziende italiane nella condizione di competere nel mercato noi lasciamo questo settore alla mercé di aziende francesi o anglotedesche che hanno maggiore agilità a casa loro e facilità di entrare nel nostro mercato. Le uniche aziende di trasporti che riescono ad avere business fuori dall’Italia sono Ferrovie italiane che compete sull’alta velocità e Atm che ha la gestione della rete metropolitana di Copenaghen. Casi sporadici che dimostrano che il settore è ben lungi dall’essere settore industriale a tutto tondo e questo dovrebbe essere obiettivo politico a tutto tondo»

Circa la normativa europea per riformare il sistema, Nicola Biscotti, presidente Anav, ha dichiarato: «Riteniamo che l’inclusione della riforma del Tpl nella riforma dei servizi sia inutile. Non c’è bisogno nemmeno di un testo unico a mio avviso. Le norme ci sono, i problemi sono altri. Noi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità come imprenditori e fruitori di denaro pubblico. Certamente inserire il libero mercato in un settore bloccato è quanto mai inopportuno. Il Tpl serve sia aree buone che aree meno buone e in piccola parte contribuiamo alla vita della persone. Le aziende di altri Paesi – continua Biscotti – che vedono il mercato italiano come appetibile, sono assoggettate al regolamento 1370. Non vorremmo che in una futura competizione alcune realtà siano eventualmente assoggettate a un’altra normativa che potrebbe svantaggiarle».

Infine, le parole di Asstra, per bocca di Giuseppina Gualtieri: «Arrivare a includere il nostro settore in una normativa su servizi pubblici crea una situazione critica per le interpretazioni normative e non ce n’è la necessità perché lo stesso regolamento comunitario è quello a cui come chiediamo di essere collegati. Per questo si chiede di stralciarla dal decreto. Il settore – così come gas ed energia elettrica – ha già propria regolamentazione e ha proprie modalità di affidamento previste dal 1370 e che comportano diversi rapporti con gli enti locali a seconda delle modalità di affidamento. In tema alla concorrenza è fondamentale allinearci a quella normativa perché, altrimenti si rischiano asimmetrie all’apertura delle gare».

Articoli correlati

Arst mette a gara 118 autobus ibridi (diesel)

Arst (Azienda Regionale Sarda Trasporti) ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di 118 autobus Classe I (suburbani) a trazione con alimentazione ibrida (elettrica-diesel) suddivisa in due lotti per un valore di 86,5 milioni di euro. 71,7 dei quali per il lotto numero uno per 100 mezzi da 12...

I nuovi E-Way di Iveco Bus sbarcano in Uruguay

La mobilità sostenibile ed elettrica di casa Iveco Bus arriva anche nelle strade dell’Uruguay, dove il costruttore ha portato la nuova generazione di mezzi E-Way full electric. «La sostenibilità è una priorità fondamentale per Iveco Bu. È una scelta che facciamo ogni giorno, considerando l&#82...

La storia di Franco Pala, autista del Cagliari Calcio da 6 anni

Il dodicesimo uomo del Cagliari Calcio. Non ce ne vorrà la tifoseria del Casteddu (perché solitamente il dodicesimo uomo è il pubblico della squadra), ma almeno per questa volta l’uomo in più dei rossoblù è Franco Pala. Che di professione non fa il calciatore, ma il conducente di bus. E il signor Pa...