Trenord – Atm, un matrimonio che si complica ogni giorno di più. Parola di Fnm (Ferrovie Nord Milano), la holding che controlla Trenord e che ha come azionista di maggioranza Regione Lombardia, la quale in una nota prende atto dell’affermazione di Mazzoncini, che ha recentemente bollato come non percorribile la strada che avrebbe potuto portare alla creazione di un maxi soggetto in campo tpl. Un tema che da tempo scalda gli animi degli addetti ai lavori.

Fnm prende atto della non percorribilità

«Facendo seguito al comunicato diffuso in data 14 febbraio 2017 – si legge nel comunicato uscito dagli uffici di Ferrovie Nord Milano -, Fnm S.p.A. prende atto delle dichiarazioni rilasciate in data 9 giugno 2017 agli organi di informazione dall’Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., azionista titolare di una partecipazione pari 14,741% del capitale sociale di Fnm, che definisce come non più percorribile l’ipotesi relativa ad una eventuale operazione di integrazione volta alla creazione di un “polo” tra il Gruppo Ferrovie dello Stato, Atm e Fnm. Alla luce delle sopracitate dichiarazioni – continua la nota -, Fnm porrà in essere le opportune verifiche, con tutte le parti interessate, al fine di accertare la volontà di proseguire nello studio preliminare di fattibilità dell’operazione di integrazione. L’esito di tali verifiche verrà comunicato al mercato alle condizioni e nei termini previsti dalla normativa applicabile».

Fs, Atm e la gara per il tpl milanese

La dichiarazione di Mazzoncini sul progetto di fusione era arrivata insieme a parole di elogio nei confronti di Atm («il migliore gestore d’Italia di servizi metropolitani»). L’amministratore delegato delle ferrovie ha garantito che Fs non intende «sostituirsi ad essa come gestore». Su una cosa non ci son più dubbi: Fs prenderà parte alla gara per il tpl, se gara sarà.

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Tpl, Amts Catania potenzia geolocalizzazione e monitoraggio dei bus

Amts Catania sta potenziando l’intero sistema di geolocalizzazione e monitoraggio dei propri autobus. Gli obiettivi, sono quelli di migliorare l’affidabilità e la tempestività delle informazioni fornite agli utenti sugli orari di passaggio alle fermate, visualizzate sia sulle paline elet...
Tpl