Oggi a Ferentino, in provincia di Frosinone, è stata una bella giornata. Sì, perché in quadro economico mai facile e in uno scenario industriale talvolta sconfortante, con aziende che falliscono, delocalizzano, chiudono e licenziano i dipendenti, Tecnobus ha deciso di allargarsi, rilevando l’ex fabbrica Valeo (20.000 metri quadri).

Un investimento, questo, che fa parte di una strategia messa a punto dall’amministratore unico Paolo Marini per rilanciare con forza il ruolo e la produzione del costruttore di minibus elettrici (il Gulliver è modello iconico, storico ma attuale), che punta a ritagliarsi un ruolo non secondario nel mercato dell’autobus italiano, ma, anzi, quello di player leader di riferimento a livello nostrano ed europeo nel segmento del cosiddetto “ultimo miglio”.

Potrebbe interessarti

«Si tratta di un progetto a medio-lungo termine, dai 3 ai 5 anni, nel quale saranno investiti 8 milioni di euro per la riqualificazione del sito, l’installazione delle nuove linee produttive e, last but not least, in ricerca e sviluppo. Un progetto che ha come obiettivo quello di arrivare tra 5 anni ad avere una produzione annua di 250 unità, 150 lavoratori e un fatturato annuo di 50 milioni di euro», dice Marini.

Paolo Marini Tecnobus
Paolo Marini, Amministratore Unico Tecnobus

Tecnobus e Next Modular Vehicles: l’unione fa la forza

Per raggiungere questo obiettivo, strategico l’accordo siglato (ve ne avevamo parlato a inizio maggio) con la start-up padovana Next Modular Vehicles, ideatrice di un pod elettrico (e potenzialmente a guida autonoma) che nelle speranze dei suoi fondatori rivoluzionerà il trasporto persone, non solo per il suo avveniristico design, ma per la capacità di agganciarsi e sganciarsi da altri moduli, così da saper rispondere al meglio e in tempo reale, alle esigenze di mobilità nelle città. Mobilità che, peraltro, non per forza di cose è riservate alle solo persone, visto che questi pod sono concepiti anche per trasportare servizi (cibo, per esempio) e merci (“pacchi Amazon” per farne un altro). Ecco, i moduli targati Next, una volta che la fabbrica Tecnobus sarà pronta – Marini vuole iniziare a settembre 2025 – saranno prodotti grazie ad una linea dedicata, al fianco dei Gulliver.

Insomma, un’operazione win-win per entrambe le realtà: a Tecnobus fanno più che comodo le conoscenze progettuali di Next e a Next serviva come il pane il know-how e la potenza produttiva di un costruttore come Tecnobus per poter finalmente dare il “la” alla produzione in serie del NX23.


In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Volvo Buses firma una partnership con Optibus e Stoneridge

Optibus e Stoneridge sono stati scelti da Volvo Buses come nuovi partner nell’ambito dei servizi connessi e delle soluzioni digitali. L’obiettivo della casa svedese è, parole loro, «mettere a disposizione dei nostri clienti il software di gestione delle flotte di trasporto pubblico di Op...