[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Autobus elettrici: anche Scania è della partita. Sono iniziati i test per tre Citywide Lf a batteria nella città di Östersund. Saranno operativi dalla fine del 2017, e nel 2019 scenderanno in strada altri tre veicoli del medesimo tipo. Se è vero che la mobilità elettrica prende sempre più piede (il recente report dell’Uitp ha messo in chiaro che il futuro dell’autobus urbano sarà sempre più spesso a zero emissioni), Scania non vuole certo accumulare distanza dai competitor che già da qualche tempo hanno messo in campo le proprie soluzioni elettriche. L’azienda è fortemente impegnata nello sviluppo di autobus sostenibili: non a caso si è aggiudicata il Sustainable bus of the year 2017, consegnato in occasione dell’ultimo International bus expo di Rimini, nella categoria interurbani con il suo Interlink Ld Cng.

Scania elettrici per una linea ad alta frequenza

A regime, nella cittadina saranno in circolazione sei Citywide Lf a batteria. Saranno in servizio su una linea lunga 14 chilometri, che sarà dotata di due stazioni di carica, collocate ai capolinea. Ci vorranno appena dieci minuti “con la spina inserita” ai bus per accumulare l’energia sufficiente a compiere il proprio percorso. La linea, la principale della città, vedrà avvicendarsi gli autobus a distanza di un quarto d’ora uno dall’altro, per un totale di ben cento viaggi al giorno.

Mobilità pulita entro il 2030: parola di Scania

«Questo test costituisce il passaggio iniziale dello sviluppo di autobus elettrici a batteria», affermano dai vertici di Scania. «Questo progetto contribuirà al raggiungimento del nostro obiettivo di decarbonizzare i trasporto entro il 2030», sostiene la project manager Anne Sörensson. La sperimentazione si svolgerà in collaborazione con l’operatore di trasporto pubblico della città, e il fornitore di energia, anch’esso di proprietà pubblica, Jämtkraft. I veicoli saranno in forza a Nettbuss, controllata dall’operatore delle ferrovie norvegesi Nsb. Si tratta del secondo principale operatore nel settore bus di paesi nordici.[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News