Saps e Flixbus: l’azienda della famiglia Biscotti si consacra definitivamente al verde fluo. Tutte le linee finora gestite in autonomia da autobus Saps entreranno nel portfolio di collegamenti Flixbus. Nel contempo, l’intera rete commerciale Saps passa alla piattaforma tedesca. Un passaggio drastico, quello dell’azienda che ha come manager Nicola Biscotti, ex presidente Anav ed attuale vice di Giuseppe Vinella.

saps flixbus

Saps – Flixbus, un salto di qualità nel rapporto

Il rapporto di collaborazione tra Saps e Flixbus è iniziato nell’ottobre 2015. Un patto “benedetto” dalla consegna in quel di Apricena, in provincia di Foggia, di tre Irizar i6 12.37 HDH con il verde tipico della livrea Flixbus (nella foto sopra). Ora, il “salto di qualità” (come è definito nella comunicazione Saps) nella partnership è stato annunciato dalla stessa azienda attraverso i propri canali web: «Dopo 30 anni di attività nello svolgimento di linee nazionali ed internazionali in autonomia, stiamo per operare un decisivo salto di qualità. È stato infatti concluso un importante accordo tra SAPS e FLIXBUS. A partire dal 1 gennaio 2018 l’intera rete commerciale, con tutte le competenze relative alla vendita dei biglietti e alla promozione, passano a FLIXBUS. Di conseguenza anche gli autobus che effettuano le nostre linee storiche cambieranno gradualmente, assumendo la colorazione verde fluo che contraddistingue il marchio FLIXBUS». Del resto, Biscotti (nella foto qui sotto in compagnia del managing director di Flixbus Italia Andrea Incondi) ha sempre benedetto il modello di Flixbus sia da presidente (presenziò alla conferenza di lancio di Flixbus Italia) sia da imprenditore, essendo un operatore aderente fin dall’autunno 2015, schierandosi su una posizione ben diversa da quella poi sostenuta dal successore Giuseppe Vinella. La diatriba pro-Flixbus contro-Flixbus è da tempo uno degli argomenti caldi che dividono il settore e macchiano la storia italiana della startup debuttata nello Stivale nell’estate 2015.

flixbus biscotti saps incondi

Tutte le linee saranno servite da Flixbus

«Anche se cambiano i colori, e non vedrete più i nostri frecciablù calcare l’asfalto, il viaggio continua – prosegue la comunicazione diretta da Saps ai propri clienti -. Tutte le attuali linee infatti verranno garantite da FLIXBUS, con i medesimi orari e percorsi. Anche la gestione materiale del servizio manterrà gli stessi livelli di qualità, in quanto si continuerà a viaggiare con mezzi e personale SAPS di colore verde FLIXBUS. I biglietti dovranno essere acquistati presso i canali di vendita FLIXBUS, quindi tramite l’APP FLIXBUS, il sito www.flixbus.it e presso le loro biglietterie convenzionate, che in gran parte coincideranno con quelle che già attualmente vengono utilizzate. ATTENZIONE, tutti i biglietti venduti da SAPS fino alla data 31/01/2018 saranno garantiti e consentiranno di viaggiare normalmente a chi li possiede senza sovrapprezzi».

E i prezzi… calano

Insomma: stesso personale, stesse linee, stessi autobus (solo con colorazione diversa. E allora: cosa cambia? È presto detto: i prezzi. Proseguendo nella lettura della nota firmata Saps, si legge: «presto potrete viaggiare a prezzi inferiori, grazie alla politica tariffaria agevolata che solo un grande gruppo può garantire». E conclude: «È stato con grande orgoglio che abbiamo portato avanti il marchio SAPS per tutti questi anni, ma l’evoluzione del mercato verso i grandi network e la liberalizzazione, ha determinato questa scelta. Si tratta di una grandissima opportunità per il gruppo ACAPT/SAPS e soprattutto per i passeggeri. Grazie a questa scelta potranno usufruire del rivoluzionario concetto di trasporto portato avanti da FLIXBUS. Siamo certi che i nostri clienti e collaboratori, con alcuni dei quali ci conosciamo da anni, comprenderanno che questa è una vittoria, il punto di arrivo di un marchio che ha fatto la storia in Italia e Germania.  Non ci resta che augurare a tutti un buon viaggio a bordo di FLIXBUS!».