Game over. Si è conclusa negativamente, per l’operatore ligure Riviera Trasporti, la battaglia legale ingaggiata per ottenere dalla Regione l’indicizzazione Istat del corrispettivo annuo, legato al contratto di servizio 2002/2007, per la gestione del trasporto pubblico nella provincia di Imperia. Ne dà notizia Clickmobility. Decisivo il parere del Consiglio di Stato.

autobus riviera trasporti imperia

Una vicenda che prosegue dal 2002

Il Consiglio di Stato, secondo quanto riportato, ha respinto il ricorso contro la sentenza emessa dal Tar ligure nel 2009 con la quale era stato dichiarato il «difetto di legittimazione passiva» nei confronti dell’ente regionale. Riviera Trasporti è stata condannata al pagamento delle spese di giudizio, quantificate in 3mila euro oltre oneri. La vicenda si era aperta nel 2002, con l’approvazione dell’accordo di programma tra Regione, Provincia e Comuni interessati (praticamente tutti quelli costieri). Se Provincia ed enti locali (azionisti di Riviera Trasporti) avevano successivamente trovato un accordo, la Regione aveva proseguito la battaglia. Fino a pochi giorni fa.

Confermato il verdetto di primo grado

I giudici amministrativi del Consiglio di Stato hanno confermato il verdetto di primo grado, partendo sostanzialmente dall’assunto secondo cui la Regione ha svolto soltanto un ruolo di programmazione e finanziamento per la propria parte, restando formalmente estranea al contratto di servizio al centro del caso. Accordo che escludeva l’adeguamento Istat, lasciando però margini di discrezionalità all’ente regionale.

In primo piano

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Idrogeno per il tpl, il position paper di Asstra e H2IT

Duecentosei. È questo il numero di autobus alimentati a idrogeno circolanti in Europa a fine 2022. Un numero che è salito nel corso del 2023, a dimostrazione di come l’H2, oltre alle batterie che alimentano e spingono gli e-bus, sia una delle trazioni alternative per affrontare la sfida della ...