Si è chiusa lo scorso 14 ottobre la prima edizione di NME-Next Mobility Exhibition, la manifestazione di Fiera Milano dedicata alla mobilità collettiva sostenibile, organizzata insieme ad Agens, Asstra e Anav,

Altamente qualificati gli operatori che hanno preso parte all’evento per scoprire le novità delle 119 aziende espositrici e i contenuti della ricca offerta formativa, grazie a un ricco palinsesto convegnistico, curato dal Comitato Tecnico Scientifico presieduto dal professor Pierluigi Coppola.

31 convegni, più di 200 relatori e di 50 ore di formazione per toccare tutti i punti della ricca agenda del mondo della mobilità, travolto dall’onda della transizione energetica e digitale, dalla rivoluzione della sharing mobilty e dalle opportunità della Mobility as a Service (MaaS).

Quello andato in scena nei tre giorni di Next Mobility Exhibition è stato un ricco palinsesto convegnistico, ideato e coordinato dal Comitato Tecnico Scientifico presieduto dal Professor Pierluigi Coppola (Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica) e di cui fanno parte associazioni internazionali (UITP- International Association of Public Transport e IRU – World Road Transport Organisation), dicasteri (Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Transizione Ecologica, Ministero del Turismo), realtà accademiche come l’Università Bocconi e l’Università degli Studi della Campania, ma anche la Conferenza Regioni e Province Autonome, Trenord, Lifegate, Domus Air, Ernst & Young, Studio Malena, Innovup, Club Italia, le associazioni del trasporto (Agens, Anav, ASSTRA) e diverse realtà associative che rappresentano le varie sfumature della transizione energetica: Anfia, Anie e-Mobility, Assosharing, Enea, Federmetano, Federmotorizzazione, H2IT (Associazione italiana per l’idrogeno e celle combustibile), Globe Italia, Motus-E ed Unem (Unione Energie per la Mobilità).
Il tutto con il supporto di Agens, Anav e Asstra, associazioni che rappresentano le imprese del trasporto pubblico locale e una componente qualificata dell’intero settore dell’autotrasporto passeggeri.

La manifestazione ha dimostrato che il mercato – per offerta tecnologica e know how delle risorse – è pronto ad affrontare le nuove sfide della mobilità sostenibile per le persone, ma occorre lavorare su infrastrutture, regolamentazioni e prassi adeguate a sostenere l’innovazione in corso.

A conclusione dell’ampio palinsesto di convegni e incontri, a NME è stato presentato il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, una realtà che unisce pubblico e privato: 25 università, e relativi centri di ricerca, hanno unito le forze con 24 grandi imprese attive nell’ambito della mobilità e delle infrastrutture, con l’obiettivo di accompagnare la transizione green e digitale del comparto in un’ottica sostenibile. Si tratta di un progetto ambizioso, che prevede un investimento di 394 milioni di euro per i primi 3 anni (2023-2025), con il coinvolgimento di 696 ricercatori degli enti partner e di 574 neoassunti, e che vuole rappresentare uno strumento reale per la crescita e lo sviluppo in un settore chiave come quello della mobilità, che si stima raggiungerà un valore complessivo a livello nazionale di 220 miliardi di euro nel 2030, assorbendo il 12% della forza lavoro in Italia.

Il Centro sarà strutturato con un punto centrale a Milano e 14 nodi distribuiti su tutto il territorio Pnrr. E proprio dalla sessione plenaria conclusiva, è partito un ideale ponte verso la prossima edizione della manifestazione, che si terrà a Fiera Milano dal 23 al 25 ottobre 2024.  I primi risultati delle attività di questa nuova realtà, infatti, saranno condivisi con il Comitato Tecnico Scientifico di NME e raccontati proprio in occasione del prossimo appuntamento.

NME, anteprima e novità in scena a Milano

Il debutto sul panorama fieristico nazionale e internazionale di NME è stato accompagnato da diverse anteprime di espositori, che hanno scelto il palcoscenico meneghino per presentare al mercato le proprie proposte.

Tante le novità sul fronte bus: Industria Italiana Autobus ha ufficializzato la partnership con la portoghese CaetanoBus per la produzione e la commercializzazione in Italia di bus urbani a idrogeno, presentando H2.City, mezzo basato sulla tecnologia Toyota Fuel Cell; Irizar ha presentato due nuovi veicoli sostenibili, il tram Irizar ie di 12,160 metri di lunghezza e l’ibrido Irizar i3le di 12,750 metri; Isuzu ha portato a Fiera Milano gli otto metri 100% elettrici del Novociti Volt, mentre Karsan l’e-Ata 12, mezzo che si è aggiudicato il Sustainable Bus Awards nella categoria Urban; Otokar ha presentato per la prima volta nel Belpaese i sei metri elettrici del corto e-Centro C e il 600esimo autobus distribuito da Mauri Bus in Italia, un Vectio U Low Entry; Rampini ha lanciato due grandi novità, i sei metri elettrici di Sixtron e gli otto alimentati a idrogeno dell’Eltron, primo mezzo con questo tipo di alimentazione completamente Made in Italy. Infine, Solaris ha presentato i diciotto metri full cell dell’Urbino a idrogeno.

Nella cornice di Next Mobility Exhibition, Iveco Bus ha invece definito i dettagli del ritorno della produzione in Italia: se nel polo di Torino vedranno luce le batterie per e-bus, in quello di Foggia scatterà la produzione dei mezzi di nuova generazione. Ma non solo: ha anche annunciato la partnership con Via Transportation in materia di guida autonoma.
E di guida autonoma a NME si è parlato grazie a ZF, che ha portato a Milano, in anteprima nazionale, la navetta con tecnologia driverless.

Grandi novità anche per i servizi di lunga tratta, grazie alla presenza dei tre principali operatori nazionali: Flixbus, Itabus e Marinobus.
In particolare, MarinoBus e Van Hool hanno presentato per la prima volta l’allestimento da primissima classe 3Xclusive: un concept rivoluzionario per comfort e privacy al top, che trasforma i lunghi viaggi in esperienza confortevole.

L’alta tecnologia a servizio del settore è stata rappresentata, tra gli altri, dalla proposta di Nesteck, una startup innovativa che realizza pezzi di ricambio con una stampante 3D, abbattendo i costi e il rischio di bibliche tempistiche per l’approvvigionamento dei componenti.

In materia di MaaS, invece, Optibus, ha raccontato le potenzialità del nuovo modulo di movimento e le nuove funzionalità per la gestione dei mezzi elettrici del proprio software in cloud.

Dal MaaS al SaaS il passo è breve: Bledsystem ha presentato la collaborazione con Atm Milano, che consente di tagliare i consumi energetici e le emissioni di CO2.

NME è stata anche l’occasione per lanciare il progetto HVOlution di Eni per dare un futuro sostenibile al diesel: grazie alla tecnologia ecofining adottata nelle raffinerie di Venezia e Gela, il biocarburante vuole dire la sua nella sfida della decarbonizzazione, essendo in grado di tagliare fino al 88% le emissioni nel wheel to wheel.

Anteprime, formazione, scenari, networking: il mondo della mobilità sostenibile delle persone ha trovato in NME-Next Mobility Exhibition un nuovo punto di riferimento. Il prossimo appuntamento è tra due anni a Fiera Milano, dal 23 al 25 ottobre 2024.

Articoli correlati

Arst mette a gara 118 autobus ibridi (diesel)

Arst (Azienda Regionale Sarda Trasporti) ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di 118 autobus Classe I (suburbani) a trazione con alimentazione ibrida (elettrica-diesel) suddivisa in due lotti per un valore di 86,5 milioni di euro. 71,7 dei quali per il lotto numero uno per 100 mezzi da 12...

I nuovi E-Way di Iveco Bus sbarcano in Uruguay

La mobilità sostenibile ed elettrica di casa Iveco Bus arriva anche nelle strade dell’Uruguay, dove il costruttore ha portato la nuova generazione di mezzi E-Way full electric. «La sostenibilità è una priorità fondamentale per Iveco Bu. È una scelta che facciamo ogni giorno, considerando l&#82...