Milano-Tokyo in Vespa. Questa l’impresa che tentera’ di portare a termine il 44enne autista di autobus di Salsomaggiore Terme Fabio Cofferati proprio come fece nel 1964 il motociclista Roberto Patrignani che parti’ da Milano e percorse 13mila chilometri in 85 giorni, per arrivare in Giappone e stringere la mano a Daygoro Yasukawa, presidente dell’allora Comitato Olimpico giapponese. In quell’occasione fu consegnato il trofeo, un dono che suggellava simbolicamente l’amicizia tra il popolo italiano e quello giapponese. A quasi 60 anni di distanza, le Olimpiadi a Tokyo si ripetono e Fabio Cofferati vuole fare il medesimo percorso a bordo della sua Vespa 150 Vbb2 del 1963 per consegnare un trofeo a Tokyo. Con il suo viaggio, il 44enne sara’ anche testimone della Fondazione Isal, di Rimini, che si occupa di lotta al dolore cronico. “Le Olimpiadi inizieranno il 23 Luglio, ma a causa della pandemia in corso sara’ molto difficile che io possa consegnare il Trofeo al CIO – racconta Cofferati -. In ogni caso, la mission del mio viaggio e’ la fratellanza tra i popoli e la celebrazione del 75 anniversario della nascita della Vespa che festeggeremo insieme agli amici vespisti giapponesi”. La partenza e’ il 13 giugno a Milano e l’arrivo a Tokyo e’ previsto per il 21 luglio. Nel suo viaggio intervistera’ i cittadini dei differenti Paesi sulla necessita’ della ricerca per garantire cure a chi vive nel dolore incurabile. A conclusione del viaggio scrivera’ un libro i cui proventi andranno alla fondazione.

In primo piano

Articoli correlati

Tpl e sociale, l’evoluzione dell’utenza vista dal posto guida

di Gianluca Celentano (conducente bus) Se l’emergenza pandemica Covid19 ci ha messo un po’ tutti quanti alle corde è anche vero che non sono in pochi a sperare in una graduale svolta legata alle vaccinazioni pur mantenendo a bordo le regole di distanziamento congiunte agli onerosi strumenti di...
Blog

Addio Fabrizio, la prima rimessa sul web. Un autista amico di tutti

di Gianluca Celentano (conducente bus) La communty degli autisti di autobus, soprattutto del nord Italia, in queste ore si sta attivando sul web nonostante la commozione, per rendere omaggio a uno storico riferimento bergamasco del Gran turismo e un riferimento per la Flaccadori Autoservizi. Ogni pe...
Blog

“Un cuore di autobus”, un segno di vita e di speranza

Un cuore di Autobus. Di Gianluca Celentano (conducente bus) Ieri, 17 novembre. Lombardia. 89 torpedoni con i loro affezionati conducenti. Imprese e autisti del settore bus turistici hanno voluto trasmettere un pacifico segnale di speranza. Segnale per quelle istituzioni sorde verso le problematiche ...
Blog