Il Lussemburgo continua a scommettere sugli autobus elettrici Irizar. L’azienda Voyages Simon ha commissionato al brand iberico una fornitura da sei Irizar ie bus nella versione da 12 metri. La divisione Irizar e-mobility fornirà anche l’equipaggiamento per la ricarica dei veicoli. Il contratto comprende anche i servizi di “maintenance and repair”. Sale a quota 27 il numero di autobus elettrici Irizar venduti in Lussemburgo.

Irizar, l’elettrico fatto ‘in casa’

L’Irizar ie bus è equipaggiato con tecnologia del gruppo Irizar, sia per quanto riguarda l’elettronica e la componentistica, sia per quanto riguarda la driveline. Batterie e infrastrutture di ricarica sono made in Irizar, così come il motore elettrico centrale firmato Alconza. Quest’ultimo ha preso il posto del propulsore Siemens, montato sulla prima versione dell’elettrico Irizar. La gamma ie bus, che comprende le misure di 10.8, 12 e 18 metri, rappresenta il rebranding della serie i2e, lanciata nel 2014. Più recente è la gamma ie tram, che comprende solamente la taglia da 18 metri ed è stata lanciata nel 2017. Tutti gli elettrici Irizar vengono realizzati nel plant di Aduna, poco distante dal quartier generale di Irizar: primo caso di costruttore europeo ad aver realizzato uno stabilimento espressamente dedicato alla produzione di autobus elettrici.

27 autobus elettrici Irizar in Lussemburgo

I veicoli ordinati da Voyages Simon hanno due porte e 40 sedute, ed entreranno in servizio a partire dal giugno 2019. Possono ospitare fino a 72 passeggeri. L’autonomia dichiarata dal costruttore è di 220 chilometri con un’unica ricarica completa notturna. Insieme ai mezzi, Irizar e-mobility fornirà sei caricatori plugin (interfaccia Combo – CCS2). In Lussemburgo ci sono già sette elettrici Irizar ie bus, anch’essi da 12 metri, in servizio, parte di una commessa da 21 veicoli a zero emissioni stipulata da Voyages Emile Weber.

Irizar e-mobility, un distaccamento italiano

La branca Irizar e-mobility si è arricchita nel 2018 di un distaccamento italiano. Lo guida Dario Del Pozzo, classe 1970, un master in Business Management presso la Bocconi e trascorsi lavorativi, a partire dal 2007, in Irisbus – Iveco e successivamente in Evobus, come responsabile delle gare pubbliche d’appalto in territorio italiano. Esperienze alle quali si somma una breve parentesi come amministratore delegato di Centrobus. A partire dall’anno scorso ricopre il ruolo di Manager public tender Italia in Irizar E-Mobility.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

MAN costruisce una fabbrica di batterie a Norimberga

A partire dall’inizio del 2025, MAN Truck & Bus produrrà batterie ad alta tensione per autocarri e autobus elettrici in larga scala presso il proprio stabilimento di Norimberga. Per realizzare questo progetto l’azienda investirà circa 100 milioni di euro nei prossimi cinque anni nell...

Irizar consegnerà 30 bus elettrici a Valladolid

L’operatore di trasporto pubblico AUVASA, Autobuses Urbanos de Valladolid, ha firmato un accordo quadro con Irizar e-mobility che prevede la consegna di 30 autobus zero emissioni modello Irizar ie tram oltre alle loro infrastrutture di ricarica. La consegna di queste unità verrà suddivisa in d...