Flixbus ha preso parte, stamane, alla prima riunione del tavolo di lavoro definito dal Ministero delle infrastrutture e trasporti per il riordino della disciplina delle autolinee interregionali. La convocazione del tavolo era stata annunciata a fine luglio come pietra tombale della lunga diatriba a suon di emendamenti anti-Flixbus ed emendamenti salva-Flixbus. Andrea Incondi, Managing Director FlixBus Italia: «Come disposto dalle istituzioni, è questa la sede per confrontarsi sul presente e sul futuro del settore».

Flixbus: c’è bisogno di un nuovo quadro normativo

«Siamo lieti di poterci confrontare attivamente con le associazioni di categoria e con le altre aziende del Paese sul presente e sul futuro di un settore in costante evoluzione, e auspichiamo, come tutti gli altri partecipanti, che l’esito del tavolo sia coerente con l’esigenza di un nuovo quadro normativo in grado di rispondere, in modo organico e strutturato, alle trasformazioni di questi ultimi anni», ha affermato Incondi al termine della prima riunione del tavolo di lavoro definito dal Mit, di concerto col ministero dello Sviluppo Economico, per individuare i principi e i criteri per il riordino della disciplina dei servizi automobilistici interregionali di competenza statale, come previsto dal Decreto Legge del 20 giugno 2017.

Flixbus con le associazioni di categoria e i ministeri

FlixBus ha partecipato insieme ai rappresentanti dei due Ministeri, delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative, del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti e dei principali operatori del territorio. Incondi continua: «Oggi si è avviato un percorso comune tra tutti gli operatori e le istituzioni hanno certificato che è questa la sede giusta per affrontare la materia. Noi sin dall’inizio abbiamo accolto con favore la convocazione del tavolo da parte del Ministero dei Trasporti. I partecipanti al tavolo hanno compreso l’importanza di confrontarsi in modo trasparente con uno scenario inevitabilmente destinato a evolversi, in linea con la consapevolezza che l’innovazione non si può fermare, ma necessita di essere inserita in un quadro normativo chiaro e definito in modo trasparente. Oggi dunque le aziende presenti e le associazioni di categoria hanno riconosciuto che questo tavolo è la sede definita dalle istituzioni per decidere norme certe e per fare interventi strutturali, dunque senza più bisogno di affrontare singoli emendamenti anticoncorrenziali come già avvenuto in passato in parlamento. Il MIT è garante che sia finalmente questo, e non altro, il modo per riscrivere le regole».

Articoli correlati

Van Hool serie T, ecco la nuova gamma coach

Van Hool T. ‘T’ come ‘turistico’. Su il sipario sulla nuova gamma coach della casa belga. La serie Van Hool T sarà inizialmente commercializzata, nel 2023, con i modelli Van Hool T Alicron (12-13 m), T Acron (10-14 m) e T Astron (13-14 m). Motore? Daf generazione Euro VI Ng d...

Itabus e Movesion insieme…per la mobilità sostenibile

Una nuova partnership per la mobilità sostenibile: Movesion e Itabus hanno stretto un accordo volto a supportare nuove soluzioni di mobilità, green e condivise. I dipendenti delle aziende aderenti ai servizi Movesion riceveranno sconti per viaggiare su Itabus. L’accordo rientra nella più ampia...