Baidu King Long, la navetta autonoma cinese approda a un progetto di dimostrazione pubblica. Baidu è il principale motore di ricerca cinese, l’equivalente del nostro Google, e ha da tempo imboccato la strada dello sviluppo della guida autonoma. Nei giorni scorsi ha lanciato, nel Longlingshan Park a Wuhan, la capitale della provincia di Hubei, un progetto commerciale dimostrativo. Gli autobus, dotati di un sistema di guida autonoma di livello 4, opereranno su una distanza di 5 chilometri a velocità di guida di 15 chilometri all’ora.

Baidu King Long

Guida autonoma in collaborazione tra Baidu e King Long

Naturalmente, il progetto dimostrativo che coinvolge le navette realizzate da Baidu con King Long vedrà il coinvolgimento anche di personale di sicurezza pronto a intervenire in caso di ogni emergenza. I mezzi sviluppati da Baidu presentano sistema di guida autonoma di livello 4 (gestione autonoma di accelerazione, frenata, direzione e controllo traffico). I primi 100 autobus a guida autonoma sono già stati usciti dagli stabilimenti nel corso dell’estate. I veicoli, secondo quanto dichiarato dal costruttore, saranno messi in servizio in città come Pechino, Xiongan, Shenzhen e Tokyo.

Bus autonomi in aree confinate

Baidu sta facendo enormi progressi nel mercato dei veicoli elettrici, grazie all’investimento in Wm Motors, una startup EV con sede a Shanghai. Ogni autobus, secondo quanto ha detto Baidu, sarà in grado di trasportare 14 passeggeri, con 8 posti a sedere. I veicoli naturalmente non potranno, almeno in questa prima fase, circolare su strade pubbliche, ma bensì si muoveranno all’interno di aree confinate come gli aeroporti, controllati dal software di guida autonomo open source di Baidu, Apollo.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Idrogeno per il tpl, il position paper di Asstra e H2IT

Duecentosei. È questo il numero di autobus alimentati a idrogeno circolanti in Europa a fine 2022. Un numero che è salito nel corso del 2023, a dimostrazione di come l’H2, oltre alle batterie che alimentano e spingono gli e-bus, sia una delle trazioni alternative per affrontare la sfida della ...