Il fuel cell è morto, accantonato dal trionfo dell’autobus elettrico? Forse non è ancora detta l’ultima parola. Qualche contratto interessante, ogni tanto, fa capolino anche nell’arena dell’idrogeno. È il caso di Van Hool, che ha recentemente siglato una commessa da 40 autobus ad idrogeno con i due operatori tedeschi RVK Köln and WSW Wuppertal. Si tratta del più grande ordine in Europa per questa tipologia di veicolo.

autobus a idrogeno van hool

Colonia in prima fila per gli autobus a idrogeno

Trenta autobus a idrogeno firmati Van Hool circoleranno a Colonia, i restanti dieci sono destinati a Wuppertal. Nella prima delle due città, del resto, due autobus a idrogeno circolano già da quattro anni. I nuovi mezzi, che verranno consegnati a partire dalla primavera 2019, saranno costruiti nello stabilimento Van Hool di Koningshooikt. Finora la produzione Van Hool di autobus a idrogeno assomma a un totale di 53 veicoli: 21 per il nord America, dove Van Hool ha iniziato a realizzare questo tipo di veicolo dal 2005, e 32 per l’Europa, dove il debutto fuel cell dell’azienda belga è avvenuto due anni più tardi.

autobus a idrogeno van hool

Van Hool e l’autobus fuel cell ibrido

Gli autobus sono mezzi ibridi (che abbinano sistema fuel cell alle batterie, pronte a fornire energia aggiuntiva qualora necessario) del modello A330, con due assi e 12 metri di lunghezza. Saranno equipaggiati con l’ultima generazione del modulo fuel cell FCvelocity-HD85 realizzato da Ballard. Un impianto inserito nel motore Siemens da 210 kW. Il serbatoio di idrogeno può contenere fino a 38,2 chili di idrogeno, sufficiente per un’autonomia di 350 chilometri.

Autobus a idrogeno per la transizione alla sostenibilità

«Gli autobus ad idrogeno hanno un elevato valore aggiunto – le parole del Ceo Filip Van Hool -. Questa commessa è una significativa spinta allo sviluppo della tecnologia della trazione a idrogeno per il trasporto pubblico. In tutta Europa, il trasporto pubblico sta lavorando duramente per la transizione verso forme di mobilità pulita. Siamo felici che la città di Colonia, dove due autobus a idrogeno Van Hool sono in circolazione già dal maggio 2014, abbia risposto positivamente a tale esperienza». Secondo il Ceo di RVK Koln Eugen Puderbach, «gli autobus a idrogeno sono tra le tecnologie più sostenibili nell’ambito del tpl. Non emettono nessun tipo di sostanze nocive e sono molto più silenziosi dei tradizionali autobus urbani. Introducendo altri trenta autobus a idrogeno nella nostra flotta, stiamo progredendo in maniera importante sul sentiero verso la sostenibilità».

 

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl

Dalla Lombardia 650 milioni di euro per il tpl regionale, 426 a Milano

Seicento cinquanta milioni di euro per il trasporto pubblico locale della Lombardia, di cui la fetta di maggioranza all’Agenzia Tpl di Milano (che comprende anche Monza-Brianza, Lodi e Pavia) È quanto prevede una delibera approvata, nella giornata del 20 febbraio, dalla giunta regionale su pro...
Tpl