È stata presentata questa mattina in conferenza stampa l’iniziativa Itabus: un nuovo servizio a lunga percorrenza su gomma, che utilizzerà autobus a marchio MAN per offrire un trasporto di alta qualità, dotato di tutte le tecnologie e comfort, a prezzi convenienti.

Itabus: autobus MAN per un servizio di qualità

L’iniziativa Itabus è nata da uno studio sui trasporti a lunga percorrenza su gomma, che hanno evidenziato un potenziale inespresso e una grande domanda nei territori non del tutto collegati dalle grandi infrastrutture. Le ampie aree del Paese con esigenza di mobilità ancora insoddisfatta rappresentavano uno spazio nel mercato in cui inserirsi, ed è così che nasce il progetto di Itabus: una società completamente italiana che ha come azionisti Flavio Cattaneo, Luca Cordero di Montezemolo, Angelo Donati, Isabella Seragnoli e la famiglia Punzo e vede la collaborazione anche di Intesa San Paolo e TIM. Il ruolo di Presidente Onorario è ricoperto da Giovanni Punzo e il Presidente è Elisabetta Colacchia, mentre i due Amministratori Delegati sono Enrico Zampone e Francesco Fiore.

Il progetto si propone sul mercato come vero e proprio operatore industriale: come ha spiegato il dr. Cattaneo, un modello completo, con una flotta, autisti e servizio di assistenza. L’idea non è quella di porsi come concorrenti di altri operatori a livello di prezzo, ma di fare della qualità l’elemento chiave e distintivo di questo servizio, posizionandosi nelle aree escluse dall’alta velocità.

Secondo Luca Cordero di Montezemolo, il progetto rappresenterà un nuovo modo di viaggiare in italia. Come per Italo Treno, si tratta di un’iniziativa imprenditoriale di grande valore, il cui potenziale è stato intuito anche da Intesa. Il progetto, spiega Montezemolo, è molto simile a quello di Italo: un’idea tutta italiana di imprenditorialità pura, senza sussidi, con annesso rischio di impresa, che ha per partner Intesa, TIM ed Eni ed è arrivata a scegliere MAN come costruttore tramite asta. L’ispirazione arriva dagli autobus a lunghissima percorrenza che i giovani usavano negli anni Settanta per viaggiare negli USA, e dalle corriere del secondo Dopoguerra, protagoniste di molti film: l’idea è quella di poter toccare con questo servizio anche le piccole città e i piccoli centri, abbinando l’efficienza ad un’altissima qualità di viaggio, con veicoli tecnologici e sostenibili. Punto di forza sarà rappresentato dai prezzi, che garantiranno al progetto un posizionamento sul mercato che attualmente nessun altro operatore di trasporti possiede.

Siamo orgogliosi di essere i partner di business di Itabus. La scelta dei mezzi MAN ci conferma quanto i nostri prodotti, attraverso uno sviluppo costante nel tempo, siano oggi, in termini di performance e sicurezza, un riferimento nel segmento ‘Coach’. Con Itabus stiamo intraprendendo un progetto di trasporto persone completo, sfidante ed innovativo che coinvolge non solo la fornitura dei veicoli ma la specifica configurazione, il servizio postvendita di nuova concezione ed una collaborazione integrata e costante per tutto il periodo di attività dei mezzi” afferma David Siviero, Direttore Vendite e Prodotto Bus di MAN Truck & Bus Italia.

Anche Andrea Incondi, Country Manager Italia di FlixBus, si è espresso in merito al neonato progetto Itabus. “Siamo abituati a operare in un regime di sana concorrenza e orgogliosi che altri operatori decidano di entrare nel mercato della lunga percorrenza su gomma. Dal nostro ingresso in Italia abbiamo lavorato per dimostrare che il viaggio in pullman non è una soluzione di serie B ma una vera e propria alternativa di viaggio sostenibile e sicura, che garantisce a tutti la possibilità di viaggiare, anche a quelle comunità scarsamente collegate. Speriamo che l’ingresso di nuovi operatori possa ulteriormente dare un contributo alla crescita del valore dell’intero comparto come una soluzione valida, efficiente e sostenibile di mobilità e che possa portare finalmente ad un ammodernamento delle autostazioni italiane, non solo in un’ottica di connettività, ma anche in una prospettiva di rilancio del turismo. Il tempo ci dirà se Itabus sarà in grado di adattarsi a un mercato in continua evoluzione come quello del trasporto su gomma e di garantire continuativamente ai propri passeggeri un servizio efficiente e un’offerta capillare. La flessibilità, la sicurezza e la rapidità d’azione costituiranno fattori determinanti per il loro eventuale successo.Come FlixBus, siamo orgogliosi di poter offrire un servizio che ogni giorno continuiamo a innovare e a migliorare con la collaborazione di centinaia di aziende partner fortemente qualificate e motivate a intraprendere questa avventura con noi. In ultima analisi, è il passeggero che decide come viaggiare, e dal 2013 a oggi siamo stati la scelta privilegiata di oltre 100 milioni di persone.

Gli autobus MAN per il nuovo operatore a lunga percorrenza

Per il nuovo servizio a lunga percorrenza su gomma Itabus, è stato scelto come unico fornitore MAN Trucks & Bus. Gli autobus saranno dei due modelli Lion’s Coach (vincitore del premio Coach of the Year 2020) e Neoplan Skyliner, entrambi eccellenze sul mercato con dotazioni all’avanguardia.

I bus a due piani, acquistati tramite un’operazione finanziaria con Intesa, avranno una livrea personalizzata, una lunghezza di 13-14 metri e saranno costantemente rinnovati, con sostituzioni ogni due anni, per avere una flotta sempre nuova. Gli interni garantiranno una seduta spaziosa e ultra-confortevole con schienali reclinabili e sedili distanziabili da quelli adiacenti, aree con tavolini o panoramiche, il tutto accessoriato con prese elettriche e USB. Saranno inoltre disponibili toilettes spaziose e, grazie alla partnership con TIM, un servizio di connettività a banda ultralarga con router 5G, nonché distributori automatici di snack.

Gli autobus MAN di Itabus garantiranno inoltre sicurezza a bordo attraverso sistemi ispirati al modello ferroviario e aeronautico. Sarà effettuato un monitoraggio costante sui veicoli tramite una sala operativa attiva 24h 7/7, e la manutenzione sarà affidata interamente al costruttore. Inoltre, sarà presente un doppio conducente sui viaggi notturni o lunga percorrenza, per l’alternanza alla guida.

Grande attenzione è stata prestata al tema della sostenibilità. Non soltanto in quanto servizio di trasporto collettivo, ma anche grazie all’impiego di motori Euro 6D e all’alimentazione tramite gasolio premium (diesel +, con una percentuale di biodiesel) e dunque minori emissioni sulle lunghe percorrenze. Il progetto si propone inoltre una continua sperimentazione insieme a Eni e MAN per trovare soluzioni ancora più green o motorizzazioni diverse (idrogeno, elettrico).

Itabus è attivo sul mercato già da oggi. 300 autobus garantiranno 350 corse giornaliere, con l’obiettivo di crescere nei prossimi due anni. Il servizio sarà presente da nord a sud, soprattutto in zone penalizzate dalla mancanza di infrastrutture di trasporto. L’obiettivo del progetto non è quello di fare concorrenza ad altri mezzi, ma di completare l’offerta di trasporto, rendendola intermodale e integrata, posizionando le fermate nei pressi di stazioni ferroviarie o aeroporti.

I  biglietti sono già disponibili e prenotabili tramite il sto itabus.it, tramite l’app, i comparatori online e presto anche rivenditori fisici (tabaccherie e biglietterie). I prezzi rappresenteranno la vera novità del progetto, unitamente alla qualità: tariffe definite dagli azionisti come “WOW”  (1.99 euro per la tratta Roma-Napoli, 4.90 per Firenze-Roma). Sono previste carte fedeltà, offerte B2B per viaggi di lavoro e numerose corse notturne, che saranno offerte proprio per carenza degli altri mezzi di trasporto in quelle fasce orarie.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...