Un vero evergreen del segmento degli autobus ha compiuto 50 anni: si tratta del NEOPLAN Cityliner, che è stato presentato per la prima volta al leggendario salone degli autobus del 1971 a Monaco. L’ultima generazione si basa sul design iconico del NEOPLAN Starliner rilasciato nel 2006.

Originariamente sviluppato dai costruttori e produttori Gottlob Auwärter & Co. KG a Stoccarda-Möhringen, il nuovo modello si è rapidamente affermato come un trendsetter per gli autobus per viaggi a lunga distanza. Le sue caratteristiche: struttura e pavimento particolarmente alti, che offrono così uno spazio abbondante per i bagagli, un sedile di guida basso con un parabrezza superiore inclinato all’indietro in modo estremamente aerodinamico. In combinazione con i telai delle finestre inclinati in avanti, questo design è diventato il tratto distintivo del marchio, che ha rappresentato innovazione e progresso come nessun altro marchio di autobus, allora come oggi. Per questo, il NEOPLAN Cityliner è uno dei pochi autobus immediatamente riconoscibili anche per i passeggeri senza conoscenze specialistiche.

Un’edizione speciale con tecnologia ultramoderna per i 50 anni di NEOPLAN Ciyliner

La leggendaria edizione giubilare “platino” del 1996 era stata realizzata in un numero limitato di 60 veicoli in onore del 60° anniversario dell’azienda. L’edizione speciale presentava soprattutto innovazioni tecnologiche, come uno dei primi sistemi di navigazione satellitare GPS Philips, sensori di parcheggio posteriori a ultrasuoni e cinture addominali di serie (richieste solo dalla legge nel 2000).

Questa caratteristica è stata implementata nell’edizione speciale per i 50 anni di NEOPLAN Cityliner. Già nel 2006 l’azienda aveva rilanciato questo modello evergreen sulla base del design dello Starliner. Per celebrare il 50° anniversario, NEOPLAN ha reinventato la sua “versione platino”, con dettagli cromati che ricordano il suo leggendario predecessore, ma questa volta senza limitare il numero di produzione. Il collegamento orizzontale tra i montanti A e B è ancora dipinto di nero, focalizzando così l’attenzione sul design sorprendente del frontale. Il montante B ha la forma di una pinna affusolata, così come il bordo argento del parabrezza superiore. Altri dettagli in nero si abbinano ai nuovi fari “angel eyes” e ai bilancieri verniciati sotto i fari.

L’interno è caratterizzato da colori e rivestimenti coordinati, e sono disponibili su richiesta anche i nuovi sedili della serie Exclusive con poggiatesta opzionali, una funzione di ricarica USB o wireless per smartphone e altre opzioni di lusso.

Proprio come nel 1996, la sicurezza è una priorità assoluta: l’autobus include il sistema di sostituzione degli specchietti OptiView che può anche essere integrato con una vista panoramica a 360° o un sistema di avviso di svolta attivo. Gli eleganti alloggiamenti delle fotocamere di OptiView si inseriscono perfettamente nel design, abbracciando comodamente il montante A come “alette” bicolore. Grazie alle caratteristiche aerodinamiche dell’avancorpo, con il suo parabrezza diviso, la rimozione degli specchietti laterali sporgenti migliora notevolmente il valore Cw da 0,34 a 0,31, aumentando ulteriormente l’efficienza del veicolo. Anche l’Adaptive Cruise Control (ACC) a guida radar fa onore al suo predecessore del 1971, ora dotato anche di una nuova funzione stop-and-go fino all’arresto, che può essere un grande sollievo per i conducenti, soprattutto nel traffico intenso. Pertanto, il nuovo NEOPLAN Cityliner “platinum special edition” per i 50 anni del veicolo è uno degli autobus più sicuri e confortevoli dell’ultimo mezzo secolo.

Una storia cinquantennale

Nel 2006, il Cityliner si è presto affermato in tutta Europa grazie alla sua qualità. Da quando NEOPLAN è entrata a far parte del Gruppo MAN, sono stati costruiti quasi 3.000 autobus nei siti di produzione di Stoccarda, Pilsting, Plauen e ora anche ad Ankara. Il modello è così diventato uno dei pilastri del portafoglio prodotti NEOPLAN, pur mantenendo le sue caratteristiche (design dinamico della parte anteriore, vani bagagli particolarmente ampi e un telaio con ammortizzatori elettronici CDS, Comfort Drive Suspension). Il meccanismo di azionamento è fornito dall’ultima generazione di moderni motori Euro 6 a sei cilindri, perfettamente combinati con una trasmissione automatica MAN TipMatic a 12 marce o, più recentemente, un cambio automatico ZF a sei marce.

In primo piano

D’Auria Furore. Il minibus turistico per la ripartenza

Il nuovo corso del Gruppo D’Auria prende il via nella nuova sede, già pronta a febbraio 2020, poco prima che si abbattesse l’uragano pandemico. E prende forma con una nuova freccia al proprio arco, il modello Furore in grado di alloggiare 31 persone su telaio Daily, e sull’onda di una chiara divisio...

Articoli correlati

Bus turistici, la capienza torna al 100%

Bus turistici, la capienza torna al 100 per cento. «Era assolutamente necessario giungere al superamento del limite di capienza all’80% per gli autobus turistici. Il riempimento al 100 per cento offre totali garanzie di sicurezza a passeggeri ed operatori, mettendo in condizione le aziende di lavora...