ZF lancia il nuovo sistema di mitigazione delle collisioni (CMS) specificatamente progettato per gli autobus urbani. Offrendo una frenata attiva per aiutare ad evitare gli incidenti frontali con altri utenti della strada, compresi i veicoli, le biciclette e i pedoni, il sistema aiuta anche a contrastare l’impatto negativo del momento della frenata sui passeggeri.

Il sistema è compatibile sia con i motori elettrici che con quelli a combustione interna: ZF lancerà inizialmente il suo City Bus CMS in Europa, con l’obiettivo di esportarlo in tutto il mondo.

ZF lancia il City Bus CMS

«Sfruttando le competenze di ZF per sviluppare una soluzione pionieristica che collega radar e telecamera con un’unità di elaborazione centrale e un sistema di frenata, City Bus CMS rappresenta un chiaro punto di prova della strategia Next Generation Mobility del Gruppo. Il sistema risponde alla chiara e pressante richiesta dei costruttori e dei loro clienti di livelli di sicurezza sempre più elevati nel traffico cittadino», ha dichiarato Philipp Helmich, responsabile delle linee di prodotto Vehicle Dynamics della divisione Commercial Vehicle Solutions di ZF. Che, a seguire, ha aggiunto: «Oltre a fornire una sicurezza avanzata e integrata per gli utenti della strada, nonché per il conducente e i passeggeri degli autobus sia elettrici che alimentati in modo tradizionale, stiamo estendendo la leadership dei sistemi avanzati di assistenza alla guida di ZF nei camion e negli autobus all’importante segmento di mercato degli autobus urbani. L’utilizzo di una tecnologia avanzata del sistema di frenata è di fondamentale importanza per la sicurezza e la guida autonoma, e le complesse applicazioni degli autobus urbani rappresentano un caso d’uso interessante e prezioso».

Il City Bus CMS di ZF si basa sulla sua più recente tecnologia OnGuardMAX per autocarri pesanti, con caratteristiche e funzionalità specifiche che sono adattate alle applicazioni degli autobus urbani. Combinando i dati della sua telecamera e del radar all’avanguardia, fornisce un’analisi continua della situazione del traffico. Se viene rilevata una collisione imminente, il sistema può emettere un Forward Collision Warning (FCW) e applicare automaticamente i freni per aiutare a mitigare o evitare un incidente.

In combinazione con le capacità di frenata avanzate di ZF, calibrate con precisione in base alla velocità e al peso del veicolo, è possibile ridurre al minimo anche gli effetti negativi della frenata improvvisa sui passeggeri. Grazie all’interazione tra l’Adas dell’azienda tedesca e il sistema di frenata, la pressione dei freni viene applicata con attenzione in tutta la cascata di frenata, rendendo meno probabile che i passeggeri vengano scossi e sbilanciati.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati