TRAVEL 874x90

Le tecnologie VDL Pure Air Technology (per il Futura) e la tecnologia VDL Clean Air Technology (per Citea e Futura) rappresentano le risposte del costruttore olandese VDL Bus & Coach alla richiesta di sistemi di sanificazione dell’aria degli autobus, siano essi mezzi da trasporto pubblico o veicoli per i servizi turistici. Il lancio dei due impianti è stato annunciato oggi dalla casa di Valkenswaard.

vdl sanificazione

VDL: sanificazione tramite ionizzazione

Entrando nel dettaglio, la tecnologia VDL Pure Air Technology prevede la ionizzazione attiva dell’aria per mezzo di ionizzatori a cluster di plasma come mezzo di sanificazione dell’aria a bordo del bus. L’aria ionizzata che entra nell’abitacolo dal condotto dell’aria ha un valore ionico talmente elevato che non solo i virus ma anche, ad esempio, le polveri sottili e i batteri sono resi innocui, sottolineano da VDL. I moduli VDL Pure Air Technology sono posizionati in modo da non essere visibili all’interno del condotto dell’aria del veicolo. Il sistema Pure Air si attiva automaticamente all’avvio del veicolo.

VDL Clean Air Technology è disponibile per Futura e Citea. Ciò offre la possibilità di aggiornare i filtri di ricircolo del sistema di climatizzazione dei pullman e degli autobus ad un grado F7. I filtri F7 intrappolano fino al 90% delle particelle con dimensioni fino a 0,4 μm. Questo include anche le gocce di umidità causate da chiacchiere o tosse, i cosiddetti ‘droplets’. Queste gocce di umidità possono essere il mezzo di trasporto per le particelle di virus più piccole e sono quindi completamente bloccate dal filtro F7.

Per i pullman, VDL Bus & Coach offre inoltre, come molti altri costruttori, la possibilità di montare una barriera di vetro sulle paratie divisorie standard sia sul lato del conducente che su quello della hostess. Questa parete divisoria in vetro copre l’intera area dietro il conducente o la hostess e soddisfa gli attuali requisiti di sicurezza.

VDL produce anche mascherine

Insieme a Koninlijke DSM, il Gruppo VDL ha costituito una joint venture per la produzione di mascherine chirurgiche di alta qualità. Una caratteristica unica di queste maschere, sottolinea VDL, è che il materiale filtrante è prodotto nei Paesi Bassi. Inoltre, tre società VDL stanno partecipando alla realizzazione di centinaia di sistemi di ventilazione del partner Demcon. In questo modo, è stato sviluppato, prodotto e testato un sistema di ventilazione completo adatto alla ventilazione dei pazienti COVID-19 in terapia intensiva.

Crisi Covid, la scure sul noleggio

“Va da sé che la crisi di COVID-19 sta avendo un forte impatto su VDL Bus & Coach e sul settore degli autobus”, afferma Pieter Gerdingh, Business Manager Coach Range di VDL Bus & Coach. “Dobbiamo adattarci a questa nuova realtà. Il numero di viaggi è diminuito drasticamente a causa del COVID-19 e non è chiaro quanto velocemente il turismo si riprenderà. Durante la crisi del coronavirus, siamo rimasti in contatto con i nostri clienti fin dall’inizio. È chiaro che noi, come industria, siamo corresponsabili nel rendere il trasporto in pullman il più sicuro possibile per riconquistare la fiducia dei passeggeri”.

Aggiunge Alex de Jong, Business Manager del trasporto pubblico: “I nostri clienti devono far fronte a un minor numero di persone che utilizzano il trasporto pubblico. Questo ha anche conseguenze sulle procedure di gara d’appalto, soprattutto nei Paesi Bassi. Ma anche in questi tempi difficili, continuiamo a investire con l’obiettivo di rafforzare la nostra posizione di leader europeo nella mobilità elettrica nei nostri mercati chiave”.

Articoli correlati

Arrivano gli pneumatici Michelin per autobus elettrici

Michelin ha lanciato a maggio 2021 una nuova gamma di pneumatici specificamente dedicati agli autobus elettrici. Gli pneumatici X Incity EV Z sono progettati specificamente per questo utilizzo, ma possono essere adattati per l'uso su veicoli urbani e suburbani.

Assogasmetano: per le bombole di metano ricollaudo ogni 4 anni

Secondo Assogasmetano per le bombole di metano CNG4 (in materiale composito e più leggere) è prioritario tornare alla periodicità di ricollaudo ogni quattro anni, anziché ogni due anni (dopo il primo periodo di quattro), come prevede una circolare ministeriale del 2015. La normativa internazionale d...