Il trasporto pubblico locale a Trieste ha retto l’urto del green pass e limitato i disagi per la clientela. È stato un lavoro ininterrotto, durato tutta la notte, quello dei tecnici di Trieste Trasporti per riorganizzare i turni e tamponare le assenze dei 106 conducenti che, sprovvisti di green pass, non hanno potuto oggi prendere servizio. A questi (che per norma nazionale rimarranno senza stipendio fino a che non saranno dotati di certificato verde) si sono aggiunti oggi 50 conducenti in malattia (i quali conservano invece lo stipendio), per un totale di 156 conducenti su 601. L’impennata di certificati di malattia nelle ultime ore sarà oggetto lunedì di un esposto alla Procura della Repubblica al fine di verificarne la regolarità, come Trieste Trasporti auspica.

Trieste: 106 i conducenti sprovvisti di green pass

«Ringrazio tutti coloro che, in questi giorni difficili e di grandi tensioni sociali, si sono adoperati con alto senso di responsabilità per garantire il servizio e il diritto alla mobilità a studenti, lavoratori e cittadini» ha detto l’amministratore delegato di Trieste Trasporti e Tpl Fvg Aniello Semplice «e ringrazio soprattutto i tanti conducenti che, pur in un contesto difficile, hanno mostrato professionalità, serietà e attaccamento al territorio e all’azienda. Va da sé che anche i prossimi saranno giorni complicati, ma continueremo a lavorare per assicurare il massimo della mobilità possibile e un’informazione sempre aggiornata, come abbiamo fatto fin dal pomeriggio di ieri, pubblicando sul sito di Tpl Fvg le corse soppresse o che comunque non siamo nelle condizioni di garantire. Tengo a sottolineare» ha aggiunto Semplice «che comunicare le corse non garantite è un lavoro che in Italia nessun’altra azienda ha fatto in queste ore». Oggi tutte le principali fermate in città erano presidiate da personale di Trieste Trasporti e non si sono rilevate criticità significative. Lo stesso avverrà nei prossimi giorni per garantire il miglior servizio possibile e per prevenire eventuali situazioni di assembramento. Trieste Trasporti ringrazia i triestini per la pazienza che stanno dimostrando e per le tante attestazioni di stima.

In primo piano

Citymood 12e, il tour-test su e giù per lo Stivale è un successo

Mancavano una manciata di settimane alla fine del 2021 quando, in quel di Flumeri, Industria Italiana Autobus lanciava il primo elettrico di casa. Il nome di battesimo? Citymood 12e, di fatto il primo ebus interamente progettato e realizzato in Italia. Una novità tutta made in Italy ben accolta dal ...

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Drivability, il progetto di social responsability di Cortina Express

Si chiama Drivability ed è il progetto di corporate social responsability di Cortina Express, la società che si occupa di servizi di mobilità con sede a Cortina d’Ampezzo nel cuore delle Dolomiti. Muoversi è sempre stato essenziale per lo sviluppo dell’umanità e oggi più che mai è un diritto come de...

Anav: «Transizione graduale verso le nuove alimentazioni»

Si è svolta oggi al Forte di Bard (Aosta), l’Assemblea annuale di Anav, Sezione Piemonte e Valle d’Aosta presieduta dalla Presidente Serena Lancione. Il Forte di Bard antica fortezza che affaccia sulla valle e ora anche centro espositivo e congressuale, ha ospitato una serie di incontri, interventi ...