schermata-2015-02-23-alle-09-53-57

Tpl Toscana, la Regione punta a salvare il salvabile. A decidere l’esclusioni di entrambi i partecipanti è stata, secondo il Tar, l’inadeguatezza dei piani economici finanziari? Ecco: la soluzione sarebbe chiedere alle aziende di presentare nuovi Pef, senza dover ripartire da capo con il bando. Un gruppo tecnico-giuridico starebbe già lavorando all’ipotesi.

Lo ha dichiarato l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli al consiglio, durante una seduta speciale incentrata proprio sulla gara di tpl. Il bando era stato vinto da Autolinee toscane (con alle spalle il colosso francese Ratp). Mobit, il consorzio comprendente anche l’attuale gestore Ataf, fece prontamente ricorso, a cui seguì un controricorso del vincitore. Conclusione? Il Tar diede ragione a entrambi: le carte in regola per aggiudicarsi il servizio non ce le aveva nessuno. Tutto da rifare. La Regione, fin dall’inizio, ha reclamato. Ceccarelli ha spiegato che la giunta regionale ha incaricato un «gruppo tecnico giuridico» di analizzare la situazione e gli scenari seguiti dopo la sentenza del Tar. L’obiettivo è quello di «procedere al rinnovo del solo segmento procedimentale della gara, relativo alla documentazione e alla valutazione dei nuovi piani economico finanziari. Tutto ciò richiedendo ai due concorrenti di confermare le offerte tecniche ed economiche già presentate, e presentare un nuovo Piano economico finanziario, asseverato e corretto, rimodulato in coerenza con l’interpretazione indicata nella sentenza».

 

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati