111 140-a

Se il decreto Milleproroghe fosse approvato così com’è il settore del trasporto pubblico potrebbe tirare un sospiro di sollievo. Asstra fa sapere che è stato approvato un emendamento che sblocca 385 milioni di euro per il periodo 2015-2016 destinati al rinnovo della parco autobus italiano, uno dei più datati d’Europa. Senza modifiche, il decreto darebbe il via libera allo stanziamento rispettivamente di 260 milioni per il 2015 e 125 milioni per il 2016, già definito e firmato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Con lo sblocco immediato sarebbe quindi possibile rispondere in tempi brevi alle esigenze del trasporto pubblico locale, fortemente penalizzato da una flotta datata e spesso inquinante. Le imprese con veicoli Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, vanno inoltre incontro ad un taglio degli sconti sulle accise, fattore che creerebbe non pochi problemi economici alle aziende di TPL, scongiurabili invece con lo sblocco immediato del Fondo autobus. Nell’emendamento già approvato, infine, viene posticipata al 2017 l’istituzione della Centrale Unica d’Acquisto.

In primo piano

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News