ROMA 30 NOVEMBRE 2007 SCIOPERO DEI TRASPORTI  A ROMA FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

Flotte in caso e mezzi datati, che si guastano continuamente. Forse non serviva un rapporto ufficiale per testimoniare la situazione di inadeguatezza in cui versa il tpl di Roma, ma se ci fosse proprio bisogno di vederlo scritto nero su bianco, ancora una volta… ci pensa l’annuale relazione dell’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici a cantarne il “de profundis”. Il tpl è tra i principali motivi di scontento dei romani.

Dal lato dell’offerta complessiva, negli ultimi 10 anni, vi è stato un calo di 13 milioni di vetture/Km. L’aumento dell’offerta della metropolitana non è bastato a riequilibrare il crollo verticale delle linee di superficie. Sconvolgenti i dati sulla situazione manutentiva del parco mezzi: le vetture utilizzabili rispetto alla dotazione sono poco più della metà. Il 33 per cento dei mezzi si guastano lungo il tragitto. L’obiettivo contrattuale “regolarità delle corse” non è mai stati raggiunto negli ultimi dieci anni.

Bassa l’efficienza del servizio: a Roma il rapporto ricavi da traffico per passeggero risulta molto basso a confronto con alcune città europee (0,21 cent contro 0,51 di Berlino, 0,84 di Parigi), valore determinato sia dal basso costo del biglietto che dal forte tasso di evasione. Inoltre i costi operativi per passeggero (0,70 euro) e per chilometro percorso (5,80 euro) rendono ancora il trasporto pubblico locale a Roma largamente dipendente dalla contribuzione pubblica

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati