Nell’attuale assetto istituzionale lo Stato mantiene primarie funzioni nella materia del trasporto pubblico locale e regionale che occorre preservare anche in un eventuale sistema di maggiore autonomia decisionale per le Regioni”. Nicola Biscotti, Presidente ANAV, l’Associazione del trasporto pubblico locale di Confindustria, ha rappresentato oggi a Napoli, nell’ambito del Convegno organizzato dalla Regione Campania sul tema del “TPL e autonomia differenziata, quali conseguenze”, come il percorso di attuazione dell’autonomia differenziata sia destinato ad avere un impatto significativo sugli equilibri di finanza pubblica e sulla necessaria perequazione tra i diversi territori del Paese. Il TPL a oggi, ha evidenziato il Presidente Biscotti, non è classificato come spesa essenziale dalla legge delega sul federalismo fiscale e la perequazione, a garanzia dell’integrale copertura del fabbisogno, è al momento prevista solo per i finanziamenti in conto capitale e non per la spesa di parte corrente. La dotazione attuale del Fondo nazionale TPL è però largamente sottodimensionata: “mancano almeno 700 milioni di euro solo per l’adeguamento inflattivo dei corrispettivi e senza considerare i costi di rinnovo del CCNL di settore per cui le organizzazioni sindacali hanno avanzato una richiesta con un impatto economico quantificabile in altri 900 milioni a regime”. La richiesta di ANAV è che l’autonomia differenziata venga attuata senza mettere a rischio i meccanismi di finanziamento dei servizi di TPL e la garanzia del soddisfacimento su tutto il territorio nazionale di un diritto pieno dei cittadini alla libera circolazione e alla mobilità, preservando il vincolo di destinazione al settore del Fondo TPL, adeguatamente incrementato, e con modalità di riparto eque e premianti che non comportino tagli di risorse per nessuno. “Riteniamo che occorra salvaguardare i meccanismi di concorso finanziario dello Stato agli oneri del TPL attraverso lo specifico Fondo nazionale, da adeguare strutturalmente all’inflazione, unitamente alle altre leve finanziarie in capo allo Stato in materia di programmazione degli investimenti indirizzati all’ammodernamento e potenziamento del sistema di mobilità pubblica”, la conclusione di Biscotti.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Autolinee Toscane, un nuovo bus ogni 2 giorni

Un bus ogni due giorni da ora a fine 2024, e poi il grande balzo che vedrà due bus nuovi ogni giorno (festivi e domeniche compresi) sulle strade della Toscana per garantire un servizio di trasporto pubblico locale sempre più efficace, efficiente e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che so...

Riviera Trasporti, niente gestione in-house del tpl di Imperia

“Non ci sono le condizioni per l’affidamento in house, devono essere garantite efficienza ed economicità, che mancano nel piano industriale presentato da Riviera Trasporti“. Così il presidente della Provincia Claudio Scajola, ha aperto il getto di una doccia gelata all’operatore ci...
Tpl