di Gianluca Celentano, conducente bus.

La notizia era nell’aria soprattutto dopo le diverse proroghe concesse dalla Commissione Europea. Proroghe concesse per l’indisponibilità tecnica sul territorio europeo nel reperire i nuovi cronotachigrafi intelligenti versione 2.

Confcommercio con una nota del 25 gennaio 2024 diffonde la circolare conclusiva di un adeguamento che dovrà avere effetto a decorrere dal prossimo 31 dicembre 2024 per i bus interessati alle tratte internazionali.

Il Regolamento Ue in questione è il 2021/1228, cioè quello che prevedeva l’adeguamento del cronotachigrafo digitale di bordo con il sistema intelligente di seconda generazione – versione 2 – entro il 21 agosto 2023. Una spesa onerosa stimata intorno fra i 1.500 e 2.000 euro per autobus, necessaria per i torpedoni europei interessati ai viaggi internazionali.

Tempistiche e irreperibilità dei nuovi cronotachigrafi versione 2, non hanno permesso l’adeguamento alla scadenza fissata per lo scorso agosto. Tuttavia con una circolare del Ministero dell’Interno del 29 dicembre 2023 -prot. 42171-, il dicastero ha precisato che i veicoli nuovi immatricolati a partire dal 21 agosto 2023 con installato il tachigrafo intelligente in versione 1, possono comunque circolare fino al 18 agosto 2025, poi sarà inderogabilmente obbligatoria la loro sostituzione con la versione 2 intelligente.

Visti gli oneri per l’adeguamento che si sommano alle già numerose spese gravanti sul settore, Riccardo Verona presidente di An.bti non nasconde un certo imbarazzo seppur confermi che sicurezza e qualità del comparto devono essere al centro di ogni dibattito. Dobbiamo aspettarci qualche slittamento sull’attuazione?

Le funzioni smart della versione 2

Le caratteristiche del tachigrafo intelligente sono  in grado di verificare l’autenticità dei segnali GPS geo-localizzando inizio e fine dell’orario di lavoro giornaliero, nonché ogni 3 ore di guida cumulative. La tecnologia a corto raggio (Dedicated Short Range Communication, DSRC) utilizza frequenze radio per la novità più rilevante del sistema: l’accesso da remoto per i controlli stradali. Un aspetto importante riguarda i passaggi di confine che saranno gestiti automaticamente dal sistema che è compatibile con l’attuale “carta del conducente”. Quindi, solo alla scadenza fisiologicad ella tessera, verrà sostituita con una scheda più aggiornata GEN2.

La normativa sarà estesa anche ai veicoli merci leggeri interessati al traffico internazionale o di cabotaggio. Per questa categoria, stando alla nota di Confcommercio, l’obbligatorietà scatterà il 1° luglio 2026 sui veicoli  di massa massima ammissibile, compresi eventuali rimorchi o semirimorchi, oltre le 2,5 tonnellate.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Sarà l’emergenza smog a migliorare la condizione degli autisti nel 2030?

di Gianluca Celentano, conducente bus Forse vi sarete imbattuti anche voi negli esperimenti in tv del prof. Valerio Rossi Albertini, il fisico e divulgatore scientifico. L’idea di insegnare qualche concetto di fisica proponendo degli esempi pratici è geniale. Fra i più recenti c’è quello sul riscald...
Blog

La convention di Futura Mobilità è arrivata: un bus con un click

di Gianluca Celentano, conducente bus Si è svolta all’ingresso di Verona venerdì 26 gennaio la prima convention di Futura Mobilità, la rete di impresa che nel maggio 2021 ha iniziato a muovere i primi passi proponendosi l’ammirevole quanto ambizioso obiettivo di concentrare le esigenze comuni dei ve...
Blog