Ancora buone notizie da San Gallo, città di 75.800 abitanti, situata nella parte orientale della Svizzera, dove i filobus sono da sempre considerati un valore aggiunto. Era stato indetto per domenica 26 settembre 2021 un referendum nel quale la popolazione si sarebbe dovuta esprimersi positivamente, o meno, in merito al rinnovo del parco veicoli filoviario. Ebbene, l’84,1 % dei si è espresso positivamente per il rinnovo della flotta filoviaria. E così VBSG, che gestisce il trasporto pubblico a San Gallo, può ordinare ad Hess ben 18 nuovi filobus, di cui 16 snodati da 18 metri e 2 biarticolati da 24 metri.

Le nuove vetture sono destinate alle linee 7 (Hinterberg-Stazione ferroviaria-Neudorf) e 8  (quartiere di Stoken-Stazione ferroviaria-Neudorf)  che saranno convertite in filoviarie, e anche alle linee 3 e 4, con prolungamento della linea 4 alla stazione ferroviaria della cittadina di Wittenbach, circa 9.600 anime alle porte di San Gallo.

I nuovi filobus di San Gallo: linee rafforzate

I 18 filobus, che saranno simili ai 17 già a disposizione di (11 snodati a 18 metri e 6 a tripla cassa, 24 metri),  saranno forniti da Hess e consentiranno al trasporto pubblico locale di poter contare su un parco di 35 macchine di ultime generazione, di cui 9 da 24 metri e le altre di 18 metri, dotate della ben collaudata tecnologia IMC. 

I maxi filobus sono in esercizio sulla linea 6 (Bach St. Georgen-Stazione Ferroviaria- Heiligkreuz), linea di forza con passaggi ogni 10 minuti, oltre che sulla storica linea 1, che collega i quartieri di Winklen e Stephansorn, transitando per la stazione ferroviaria, con frequenze ogni 12 minuti (dal lunedi al venerdi).

Le linee filoviarie hanno frequenze da 12 a 20 minuti sempre nei giorni feriali escluso sabato; il sabato i passaggi possono essere nella maggior parte dei casi ogni 12-15 minuti e la domenica ogni 20 minuti circa. Tutte le linee transitano per la stazione ferroviaria che è il principale nodo di interscambio.

Per le linee 9, 10 e 11 sarà bandita una gara per la consegna di sette autobus a batteria da 12 metri e sei minibus  a batteria, nonché l’infrastruttura di ricarica necessaria per la ricarica del deposito; l’appalto è previsto per il 2023. Rimane comunque l’impostazione di assegnare i filobus alla rete di forza e gli autobus elettrici alla rete complementare. A tal proposito, è già in dotazione un Solaris Urbino 8.9 LE elettrico.

VBSG prevede che i consumi di gasolio saranno ridotti dell’80 % nel 2023, con l’introduzione dei bus a batteria sulle linee 9, 10,11  e del 100 % entro il 2031, quando tutti i veicoli in dotazione saranno a trazione elettrica.

(di Stefano Alfano)

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Tpl Linea approva il piano industriale

L’assemblea dei soci di Tpl Linea, azienda del trasporto pubblico locale in provincia di Savona, ha dato il via libera al Bilancio di esercizio 2021 che chiude in utile nonostante il periodo pandemico e ha approvato l’aggiornamento del Piano industriale, atto primario per procedere con l...

Anav: «Dai bus del tpl solo lo 0,5% delle emissioni»

Gli autobus impegnati nei servizi di tpl in Italia sono responsabili appena dello 0,5% delle emissioni climalteranti. Un dato forse sorprendente, in positivo, che è contenuto nello studio dedicato alla transizione energetica del tpl, condotto dal Politecnico di Milano, presentato in occasione del co...