Nancy, città di circa 110mila abitanti situata nel nord-est della Francia, ha deciso: filobus e non più tram. Sono stati infatti ordinati alla Hess di Bellach (GH), 25 filobus a doppia articolazione, del modello Lightram 25, già in esercizio e con ottimi risultati sulle reti di Berna, Zurigo, Losanna, Lucerna, San Gallo.

I nuovi filobus sostituiranno i veicoli a via guidata (TVR) costruiti da Bombardier ed in esercizio dal dicembre 2000, sulla linea T1, lunga 11 km, che collega i comuni di Essey, Les, Nancy e Vandoeuvre (Les- Nancy, transitando per i comuni di Nancy e S. Max). La linea è dotata di 28 fermate e viene frequentata da circa 45.000 viaggiatori/giorno.

Progetto sicuramente interessante, il TVR ha dato tuttavia qualche problema durante l’esercizio, e ha raggiunto ormai i 20 anni di età.
Mathieu Klein, Sindaco di Nancy dal luglio 2020, ha presentato il 26 agosto 2021 il progetto per l’impiego dei filobus a 3 casse, progetto poi approvato a fine 2021.

Significativo è il risparmio dei costi: solo 50 milioni di euro per la riconversione della linea in filoviaria, con il parziale riutilizzo della linea aerea già esistente, contro i 500 milioni di euro previsti per il tram.
La linea T1 subirà solo piccole variazioni di percorso.

Importanti  gli investimenti delle altre città francesi sedi di rete filoviaria: Lione ha ricevuto sempre da Hess 34 nuovi filobus Lightram 19 a doppia cassa; Sant’ Etienne 22 Trollino costruiti da Solaris con parte elettrica Skoda; Limoges ha recentemente ordinato 4 nuovi filobus bicassa. I nuovi veicoli dovrebbero avere una capienza aumentata del 10% rispetto agli attuali TVR, che dovrebbero circolare fino alla primavera del 2023. Per un anno è previsto l’esercizio provvisorio con autobus, in modo da adattare la linea aerea all’esercizio filoviario, e nel 2024 verranno consegnati da Hess i veicoli.

Le specifiche tecniche dei mezzi sono ancora alla fase di progetto, ricordiamo che i maxi filobus possono ospitare fino a 200 persone, come è nella configurazione prevista per la svizzera Bernmobil, e possono essere previsti spazi per diversamente abili e per le biciclette, a fronte di un’ottima maneggevolezza.

In primo piano

Volvo centra il tredici e sbarca in Italia con il due piani

In un mercato ancora pesantemente condizionato dagli effetti della pandemia, Volvo si è affacciata per ultima sul mondo degli autobus a due piani, convinta di poter dire la sua. A dire il vero, il costruttore svedese già nel 2020 aveva lanciato il suo bipiano con un progetto tutto nuovo, ma le sue d...

Articoli correlati

Bus Rapid Transit: CTM attiva la nuova linea QEX a Cagliari

CTM non poteva festeggiare meglio i 70 anni di servizio filoviario a Cagliari, attivo dal 22 dicembre 1952, confermando ancora una volta la base della propria politica: attenzione all’ambiente, mobilità sostenibile, decongestionamento. Obiettivo: convincere un numero ancora maggiore di cittadini a u...

Lightram, iniziate le consegne dei filobus ad alta capacità a Winterthur

Winterthur, città svizzera di 111.800 abitanti, seconda come dimensioni  del Cantone di Zurigo, ha ricevuto il 30 agosto 2022 dalla carrozzeria Hess di Bellach il primo filobus tricassa, modello Lightram 25 di 24 metri di lunghezza. Il veicolo, nella sgargiante livrea bianco-rossa, è già nel deposit...

I nuovi filobus di Bratislava sono firmati Skoda

Bratislava è pronta a modernizzare la sua flotta di filobus. Per farlo, ha incaricato Skoda Transportation Group, che ha vinto due gare d’appalto per la fornitura di 23 filobus bi-articolati e 16 filobus a tre vetture con alta capacità di passeggeri. Il valore dei due ordini è di oltre 29 mili...