Milano Next entra nel vivo. Sulle pagine odierne del Il Giorno si legge che «è ufficialmente iniziato il percorso che porterà, in un tempo solo, a due svolte nel trasporto pubblico locale: l’indizione di una gara per l’affidamento delle corse di bus, tram e metropolitane e, con essa, il definitivo varo del progetto Milano Next». L’accelerazione è stata data dal Consiglio di amministrazione dell’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia, che nella giornata del 7 aprile scorso ha dato parere favorevole alla pubblicazione di un “Avviso di preinformativa“ relativo “ai bandi di gara per l’affidamento dei contratti di trasporto pubblico locale, urbano e interurbano, della Città Metropolitana di Milano” ma anche “delle Province di Lodi e di Monza”.

Milano Next, il presidente

«La decisione – sottolinea Daniele Barbone – è in linea con quanto è stato condiviso nell’ultima assemblea dei soci, lo scorso 21 marzo. L’Avviso di preinformativa è un atto previsto dalla normativa europea per dare il via a tutte le procedure necessarie all’affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale. L’imminente pubblicazione dell’Avviso sulla Gazzetta Ufficiale Europea costituisce il primo passo di un percorso per l’avvio delle procedure di gara”.

La preinformativa? Un atto dovuto

L’Avviso di preinformativa, come ricordata dal giornale milanese «è un atto del tutto preliminare, un atto che sta all’iter della gara come un drink di benvenuto, non ancora un antipasto, sta ad una cena di gala». L’Avviso ha comunque tempistiche precise: deve essere pubblicato 12 mesi prima della gara, che quindi si terrà intorno ad aprile del 2023.

Milano Next al via?

Appare del tutto ovvio che questa sarà l’occasione per il debutto di Milano Next, dice il Giorno, un debutto finora rimandato a causa della pandemia da Coronavirus e dalle deroghe decise di conseguenza. Milano Next è un nuovo operatore della mobilità pubblica costituito da Atm, che ne deterrà la maggioranza, insieme ad A2a Smart City, Hitachi Rail STS, Busitalia, Commscon Italia e IGPDecaux.

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...