Prende il via l’accordo di collaborazione per la mobilità in Fiemme e Fassa in vista di Milano-Cortina 2026. Prevede l’introduzione di una linea di “Bus Rapid Transit” in Trentino, soluzione infrastrutturale di mobilità sostenibile considerata dalla Provincia di Trento un upgrade tecnologico e di servizio nell’ambito del Trasporto pubblico locale.

Bus Rapid Transit in Trentino, il progetto

Il Bus Rapid Transit (BRT), con autobus su corsie preferenziali, che sarà introdotto in Trentino in occasione delle Olimpiadi invernali, permetterà di aumentare la rapidità del trasporto su gomma, raggiungendo prestazioni assimilabili a quelle di una metropolitana. Per realizzarlo non serviranno nuove infrastrutture viarie, ma un potenziamento delle strade esistenti, con allargamenti localizzati della sede stradale e nuove fermate attrezzate.

La Giunta provinciale ha approvato uno schema di accordo di collaborazione che permette di definire gli interventi sulla mobilità pubblica, inserendo le due Comunità di Valle interessate in un apposito Tavolo di confronto interistituzionale, per la partecipazione attiva del territori coinvolti. “Con il decreto del dicembre scorso a firma del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con Ministro dell’Economia e delle Finanze, sono state individuate le opere da realizzare per garantire la sostenibilità delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Le infrastrutture erano già presenti nel dossier di candidatura, con il decreto sono stati definiti i finanziamenti assegnati. Fra queste opere trovano spazio anche gli interventi per la realizzazione di un sistema di mobilità di tipo Bus Rapid Transit nelle valli olimpiche di Fiemme e Fassa in Trentino e l’adeguamento del deposito bus di Cavalese, per i quali sono previsti 70 milioni di euro di investimenti complessivi” ha spiegato il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti.

Nel provvedimento è contenuto anche lo studio di fattibilità, che esplora la compatibilità tecnico-funzionale di una linea BRT con le caratteristiche dell’area di studio e le specificità della domanda di Trasporto che essa esprime. L’analisi svolta individua anche tre componenti sinergiche tra loro e caratterizzanti un sistema BRT: l’infrastrutturazione della sede, delle fermate e delle opere complementari; le tecnologie di supporto (ITS, Infomobilità, semaforizzazioni); il materiale rotabile come elemento distintivo (capacità, comfort, allestimenti interni, motorizzazioni a basse emissioni). In generale, è rilevante il conseguimento di servizi più regolari, senza ritardi, anche nelle ore e nei giorni di punta, vista la possibilità di “superare” localmente il veicolo privato, scongiurando i problemi legati alla congestione del traffico. 

In primo piano

E7S e non solo: le soluzioni di mobilità urbana sostenibile di Yutong

Con lo sviluppo continuo delle città e l’aumento della popolazione, il traffico urbano affronta sfide senza precedenti. Lo sviluppo rapido della tecnologia ci offre opportunità per ripensare il futuro dei servizi di trasporto cittadino. Le città hanno bisogno di soluzioni di mobilità più intelligent...

Articoli correlati

Atac assume: al via il bando per 400 autisti

Atac Roma assumerà oltre 400 persone nel corso del 2024 per rafforzare l’organico di autiste e autisti anche in vista del Giubileo. Con questa nuova campagna di assunzioni, Atac avrà assunto, nel biennio 2023-2024, oltre 1000, tra donne e uomini, per accompagnare il rilancio del servizio di tr...

Ataf Foggia, in arrivo 46 bus a metano: 34 Iveco e 12 Otokar

Quarantasei nuovi autobus surburbani alimentati a metano per Ataf Foggia, grazie ai fondi complementati al Pnrr. Entrando nello specifico dei 46 nuovi ingressi nella flotta dell’operatore di tpl della città del Gargano, si tratta di 32 mezzi Iveco Bus e 12 Otokar. E non è finita qui, visto che...

Air Campania, consegnati altri 16 mezzi a metano: sono tutti Iveco

Continua il piano di rinnovo delle flotte aziendali delle società di trasporto pubblico locale avviato dalla Regione Campania con l’obiettivo di migliorare la mobilità urbana e ridurre l’impatto ambientale. Sono stati consegnati ad AIR Campania altri 16 nuovi autobus, tutti firmati Iveco, e tutti al...

Busitalia, in arrivo a Padova 112 bus a metano, 63 elettrici e 54 autisti

175 autobus ecologici, 112 a metano, 63 elettrici e 50 autisti: Busitalia Padova rinnova la propria flotta urbana ed extraurbana, e rafforza anche l’organico di conducenti, grazie a 76 milioni di euro di finanziamenti ministeriali ed europei. A darne notizia ci ha pensato Sergio Giordani, pres...
Tpl