Il forfait parziale all’ultimo secondo di una ditta che doveva provvedere ai trasporti scolastici con scuolabus, a poche ore dalla prima campanella nelle Marche, lascia un ‘buco’ in 17 Comuni che stanno in queste ore tentando di correre ai ripari per affidare il servizio. Ne dà notizia l’assessore regionale ai Trasporti Guido Castelli. La Regione ha ora sporto denuncia contro la ditta ‘Tundo Vincenzo spa’ per interruzione di pubblico servizio.

Marche, disdetta degli scuolabus: le misure di emergenza

Solo lunedì scorso l’azienda aveva avvertito che non avrebbe garantito il servizio in tre Comuni; il 14 settembre nel tardo pomeriggio ha comunicato che poteva svolgerlo solo in sette (due dei quali riguardavano una precedente e distinta gara), facendo slittare la completa regolarità dei trasporti al 27 settembre.

La competenza dei trasporti scolastici è dei Comuni ma la Regione aveva avviato nel 2019 il bando di gara per il servizio di trasporto scolastico come ente aggregatore con la Suam (Stazione unica appaltante Marche): dei dieci lotti, la ditta ‘Tundo”, se ne era aggiudicati cinque: poi la Convenzione ha formalizzato l’obbligo dell’azienda ad assicurare il servizio per 22 Comuni dall’anno scolastico 2021/2022: Colli al Metauro, Tavullia, Cartoceto, Montelabbate, Montefelcino, Vallefoglia, Mondavio, Petriano, Sant’Ippolito, Gabicce, Pesaro, San Costanzo, Gradara (Pesaro Urbino); Magliano di Tenna e Sant’Elpidio a Mare (Fermo); Ascoli Piceno; Camerano, Loreto, Camerata Picena, Falconara Marittima, Montemarciano e Numana (Ancona). La Tundo ha comunicato il forfait ad Ascoli Piceno (subentrerà Fratarcangeli), Loreto (forse ci sarà Tpl Marche) e Montemarciano (subentrante Conerobus). Ieri la Tundo ha fatto sapere di poter garantire il servizio dal primo giorno di scuola, solo a Pesaro, Vallefoglia, Petriano, Gradara e Magliano di Tenna; oltreché a Fano e Fermignano che riguardavano una precedente e distinta gara.

Certi Comuni hanno trovato già una soluzione, per altri la Regione sta provvedendo ad affidamenti d’urgenza facendo scorrere la graduatoria ai secondi classificati. Per tutti però c’è comunque una situazione d’incertezza, per la difficoltà, da parte di un subentrante, di avere a disposizione mezzi e personale per provvedere al servizio nel giro di 24-48ore o poco più. Alcuni Comuni, che non sono riusciti a trovare un’alternativa, stanno informando gli utenti che l’avvio del servizio di trasporto scolastico non sarà rispettato come da calendario. Intanto molte società di trasporti del territorio si sono rese disponibili al fine di non interrompere un servizio pubblico essenziale dedicato ai bambini, con tutte le difficoltà del caso per operare subito.

In primo piano

Quando il biglietto è intelligente è Pratic(k)o

Il gioco di parole è servito su un piatto d’argento. Un software in cloud per la gestione della bigliettazione digitale per il trasporto pubblico e privato: una soluzione pratica, o meglio, in un sola parola…Praticko. Stiamo parlando del progetto della software house e system integrator ...

Articoli correlati

Téléo, nasce a Tolosa la più estesa cabinovia urbana d’Europa

Scavalca una collina, oltrepassa la tangenziale e il fiume Garonna, collega l’università Paul-Sabatier all’istituto di ricerca Oncopole, attraverso il centro ospedaliero di Rangueil, il tutto trasportando ottomila viaggiatori al giorno. A percorrere lo stesso tratto di tre chilometri, un...
Tpl

Veneto, ecco Garda Link: treno più bus da Verona al Lago

Un unico biglietto, acquistabile dal portale di Trenitalia, consente di arrivare in treno alla stazione di Verona Porta Nuova e salire su uno degli autobus dell’azienda veronese Atv che ogni trenta minuti effettuano i collegamenti giornalieri con tutte le località turistiche della sponda orien...