Schermata 2016-07-13 alle 14.31.01

Gli autobus sono i mezzi di trasporto pubblico preferiti in tutta l’India, secondo una recente ricerca della National Sample Survey Organisation (NSSO). Lo studio ha preso in esame le preferenze di oltre 10 mila indiani che abitano e si muovono sia in contesti rurali sia in ambito cittadino, evidenziando come il bus sia il mezzo più utilizzato nell’ambito del trasporto pubblico. La National Sample Survey Organisation ha messo nella stessa categoria i tram e i bus, ma la percentuale, anche all’interno del sottoinsieme, continua ad essere la più alta. Gli autobus sono preferiti ai taxi, ai treni e ai risciò, soprattutto in ambito urbano. Secondo Busworld questi dati non sono da consideri una novità assoluta: l’India è infatti il secondo mercato degli autobus al mondo e sede di uno degli appuntamenti più importanti del settore già dal 2005. Il paese ha all’attivo diversi programmi per sostituire le proprie flotte con mezzi più sostenibili e di minor impatto sull’ambiente. Una missione strategica per uno dei paesi con il maggior inquinamento atmosferico al mondo, in grado di contribuire al tessuto economico locale e sostenere l’industria degli autobus.

In primo piano

Energy Mobility Solutions, la bussola di Iveco Bus per guidare i clienti verso la transizione energetica. L’intervista a Federica Balza, Sales Infrastructure Engineer

Si chiama Energy Mobility Solutions ed è il modello di business per la mobilità elettrica messo a punto da Iveco Bus per supportare gli operatori nella transizione energetica, offrendo una soluzione chiavi in mano su misura, dalla progettazione dei veicoli e delle relative installazioni alla loro re...

Siemens, tutte soluzioni per l’e-mobility

Siemens Smart Infrastructure è stata tra i protagonisti dell’edizione 2024 di NME – Next Mobility Exhibition, a Milano, dall’8 al 10 maggio. Soluzioni personalizzate per l’elettrificazione, infrastrutture di ricarica adatte a tutte le esigenze e soluzioni software e IoT per ottimizzare la gest...

Articoli correlati

Wayla, la startup che porta il trasporto on-demand (e condiviso) a Milano

Si scrive “Wayla”, ma si legge “uei là”, alla milanese, per intenderci. E proprio a Milano Wayla farà il proprio debutto a ottobre, lanciando un servizio di trasporto su richiesta, in sharing, che conterà inizialmente su una mini flotta di cinque mezzi, Fiat Ducato allestiti da Olmedo e a motorizzaz...
News