Alla Regione Liguria vanno 17,5 milioni di euro per l’acquisto di bus di nuova generazione per il tpl. Ne fa cenno il deputato M5s Roberto Traversi in una nota: “Grazie al lungo lavoro di mediazione che abbiamo condotto nei mesi scorsi sul fondo complementare siamo riusciti a far destinare fondi di gran lunga superiori a quelli già previsti e che ora trovano conferma nella decisione del ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili di stanziare 600 milioni di euro alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano per l’acquisto di bus di nuova generazione per il trasporto pubblico locale, di cui 17,5 milioni per la Regione Liguria“.

Autobus a trazione alternativa per la Liguria

Il denaro dovrà essere speso tra 2021 e 2026 per l’acquisto di mezzi a trazione alternativa: elettrico, metano e idrogeno.

“Ora bisogna fare in modo che gli enti locali spendano le risorse assegnate che vanno nella direzione di una concreta sostenibilità. Avremo città più vivibili e meno inquinate”, conclude Traversi.

Seicento milioni di euro alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano per l’acquisto di nuovi autobus ecologici per il trasporto pubblico locale e 260 milioni per potenziare e rinnovare le ferrovie gestite dalle Regioni. I relativi schemi di decreto del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilita’ Sostenibili (Mims), Enrico Giovannini, sono stati approvati settimana scorsa dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni-Autonomie locali e dalla Conferenza Stato-Regioni.

Con questi provvedimenti inizia l’attuazione la parte del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) finanziata dal Fondo complementare, che ammonta complessivamente a 30 miliardi (di cui 9,7 miliardi di competenza del Mims). I 600 milioni di euro dovranno essere spesi negli anni dal 2022 al 2026 per l’acquisto di nuovi autobus a basso impatto ambientale adibiti al trasporto pubblico extraurbano e suburbano, con alimentazione a metano, elettrica o a idrogeno, e per le relative infrastrutture di alimentazione. E’ possibile destinare fino al 15% delle risorse per interventi di riconversione a gas naturale dei mezzi a gasolio euro 4 e euro 5. Il 50% dei fondi e’ destinato alle Regioni del Sud. “Per la prima volta non si finanziano piu’ autobus diesel”, ha sottolineato il Ministro Giovannini esprimendo soddisfazione per il provvedimento che fa del Mims il primo Ministero a realizzare gli interventi previsti dal piano nazionale per gli investimenti complementari al Pnrr. “Con questo decreto – ha aggiunto – intendiamo dare due segnali importanti: il primo e’ che abbiamo la capacita’ di realizzare tempestivamente i progetti; il secondo e’ che le risorse sono destinate a interventi che vanno nella direzione della sostenibilita’, per rendere le citta’ piu’ vivibili, meno inquinate, in grado di offrire servizi migliori ai cittadini. Il trasporto pubblico locale e’ un elemento importante che influisce sulla qualita’ della vita delle persone, lavoratori, studenti, famiglie”

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati