L’ex ad di Italo verso la fondazione di Itabus?

Un nuovo player potrebbe inserirsi nel breve termine sulla scena della lunga percorrenza in bus. Secondo quanto riportato su “Italia oggi”, l’ex amministratore delegato di Italo Flavio Cattaneo starebbe per lanciare Itabus. Un’indiscrezione, quella pubblicata sul quotidiano economico, che per ora non gode di conferme.

Italo e Itabus

Itabus in rampa di lancio?

Cattaneo, attualmente vicepresidente e azionista di minoranza di Italo, starebbe per «avviare un’iniziativa per il trasporto su gomma da perseguirsi attraverso una società per azioni denominata Itabus». Secondo la notizia riportata sul quotidiano e ripresa da Clickmobility, Cattaneo «ha costituito col suo veicolo Essecieffe Investment la Partind Cinque, di cui Elisabetta Colacchia è amministratore unico». La newco avrebbe un capitale sociale di partenza di 240mila euro e sarebbe aperta all’allargamento a nuovi soci. Ma di cosa si occuperebbe Itabus? Semplice: «pianificazione, organizzazione ed effettuazione di servizi di autolinee internazionali e nazionali», «noleggio da rimessa di autobus», «gestione di parcheggi e autorimesse per autobus».

Arriva Blablabus, si chiude la parentesi Busitalia Fast

Quello di Itabus sarebbe un nuovo ingresso in un settore dominato da Flixbus e recentemente “assaltato” anche da Blablacar, con la nascita di Blablabus. È stato segnato da insuccesso, invece, il progetto Busitalia Fast lanciato dalla controllata di Fs insieme a Simet. A inizio marzo Fs ha ceduto le quote di Busitalia Fast al gruppo Simet della famiglia Smurra, segnando la fine di un percorso iniziato il 26 aprile 2017 con l’annuncio della partnership al Bus2bus di Berlino.

2019-04-30T15:10:57+00:0019 Aprile 2019|Categorie: AUTOBUS NEWS, TURISMO|Tag: , |