Blablabus. Si chiama così il nuovo player europeo della lunga percorrenza in autobus, “costola” del brand di carpooling Blablacar. Blablabus, secondo quanto annunciato recentemente dai vertici di Blablacar, ha l’obiettivo di arrivare a servire sessanta città di Germania e Benelux da qui al 2020. Un mercato in cui il nuovo marchio promette di fare un’agguerrita concorrenza a Flixbus.

Blablabus

Blablacar sale sull’autobus con Blablabus

Nel novembre scorso Blablacar ha presentato un’offerta per acquisire Ouibus, la società francese di trasporto in autobus su lunga distanza controllata dalle ferrovie francesi Sncf. Praticamente, qualcosa di simile a un equivalente transalpino di Busitalia Fast. E Sncf ha investito in Blablacar. L’accordo dovrebbe concludersi in giugno.

Sul prossimo numero di AUTOBUS (aprile 2019) sarà pubblicata un’intervista a
Ines Cormier, a capo del team Blablacar focalizzato sul progetto di espansione nel settore autobus

Blablabus contro Flixbus

Nel frattempo Blablacar ha annunciato qualche giorno fa l’inizio di un’offensiva sulle strade tedesche. L’intenzione di Blablacar è quella di servire, tramite il brand Blablabus, 60 città della Germania e del Benelux entro la primavera del 2020. L’azienda prevede di lanciare le sue prime linee nel secondo trimestre di quest’anno, puntando su prezzi low cost per rubare utenza a Flixbus. Il modello di business sarebbe analogo a quello di Flixbus, ovvero basato sulla collaborazione con vettori locali. L’arma segreta di Blablabus sarebbe la possibilità di integrare i biglietti dei viaggi in autobus con i tragitti in carpooling.

Flixbus: non temiamo la concorrenza

“BaBlaCar è un marchio relativamente noto in Germania. Ha una rete di carpooling abbastanza fitta con più di quattro milioni di passeggeri all’anno”, ha detto Nicolas Brusson, CEO di BlaBlaCar, secondo quanto riportato dal giornale francese “Echos”. “Siamo abituati a una concorrenza agguerrita e resta da vedere quanto Blablacar, finora attiva soprattutto come piattaforma di car pooling, sia abbastanza flessibile da reagire a questo mercato in rapida evoluzione e offrire un’offerta innovativa e su larga scala per il cliente”, ha dichiarato André Schwämmlein, fondatore di Flixbus.

Articoli correlati

Amt Genova testa l’ie tram Irizar da 18,7 metri

Nuova sperimentazione nel nome della mobilità sostenibile per Amt Genova che è pronta a testare sulle proprie strade l’ie tram Irizar da 18,7 metri. L’e-bus della casa madre basca si caratterizza per un’estetica accattivante e innovativa, che ricorda il vagone di una metropolitana. È lungo 18,73 met...