Due anni fa, all’inizio del 2022, l‘e-Atak Autonomous di Karsan è sbarcato sul mercato degli autobus del Nord Europa, districandosi sulle strade dei fiordi in Norvegia. A partire dalla primavera del 2022, l’operatore del trasporto pubblico Kolumbus, a Stavanger, ha utilizzato l’autobus senza conducente (livello SAE 4 di 5) su un breve percorso con passeggeri paganti in città.

L’autobus si è comportato bene sul percorso e nel dicembre 2023 è stato impiegato su un percorso molto più impegnativo, con cambi di corsia in presenza di traffico intenso, guida a velocità più elevate e tunnel da attraversare.

L’Autonomous e-Atak del produttore di Bursa è automatizzato dalla piattaforma software di guida automatizzata flowride.ai Level-4 di Adastec (anch’essa un’azienda turca) ed è stato utilizzato per la prima volta in Europa su una linea urbana per il trasporto di passeggeri nella città di Stavanger: può viaggiare senza conducente su un percorso pianificato. In grado di raggiungere velocità fino a 50 chilometri all’ora in tutte le condizioni atmosferiche, di giorno e di notte, l’autobus può eseguire autonomamente compiti precedentemente svolti da un autista umano, come fermarsi alle fermate lungo il percorso, gestire la salita e la discesa dei passeggeri, navigare attraverso cerchi di traffico, strade principali o semafori.

Karsan Autonomous e-Atak: 300 km di autonomia, software Level-4


Il software autonomo Level-4 sviluppato da Adastec è stato integrato nell’architettura elettrico-elettronica e nel software del veicolo a batteria senza conducente, alimentato da batterie da 220 kWh sviluppate da BMW che raggiungono i 230 kW di potenza. Con un’autonomia di 300 km, l’Autonomous e-Atak, lungo 8,3 metri, può trasportare 52 passeggeri. L’Autonomous e-Atak può essere ricaricato in 5 ore con unità di ricarica a corrente alternata e in 3 ore con unità a corrente continua.

L’Autonomous e-Atak, che dispone di sistemi di assistenza alla guida che vanno oltre le funzioni ADAS, è dotato di avanzati sensori LiDAR. Questi sensori funzionano efficacemente anche agli angoli più critici per distanze fino a 120 metri emettendo raggi laser, consentendo il rilevamento tridimensionale degli oggetti circostanti con una precisione centimetrica. Inoltre, le onde radio emesse dal radar anteriore identificano gli oggetti in movimento fino a 160 metri in qualsiasi condizione atmosferica. La tecnologia di guida autonoma è in grado di muoversi facilmente attraverso le strade e di analizzare il traffico, oltre ad avere una consapevolezza della situazione.

Maggiore sicurezza per i pedoni

L’Autonomous e-Atak di Karsan, in grado di misurare la distanza degli oggetti e di identificarli attraverso l’elaborazione di immagini ad alta risoluzione con sei telecamere RGB montate su diverse parti del veicolo, distingue facilmente tra veicoli, pedoni e altri oggetti; Autonomous e-Atak, grazie alle sue telecamere termiche, è in grado di rilevare le variazioni di temperatura degli esseri viventi intorno al veicolo senza essere influenzato dalla luce e dalle condizioni atmosferiche, garantendo così una maggiore sicurezza per i pedoni. Autonomous e-Atak è dotato di mappe ad alta risoluzione che trasmettono informazioni di localizzazione estremamente precise, GNSS, accelerometri e persino sensori LiDAR, che consentono di determinare la posizione del veicolo in modo accurato e sicuro.

«Come autorità di trasporto pubblico (PTA) è importante per noi partecipare a questo progetto innovativo. Crediamo che gli autobus a guida autonoma saranno una parte importante del futuro sistema di trasporto pubblico. Ridurranno i costi, aumenteranno la sicurezza del traffico e saranno una risposta alla mancanza di autisti di autobus, che è già un problema enorme. Siamo entusiasti di collaborare con aziende professionali, innovative e leader a livello mondiale in questo processo», afferma Edith Nøkling, amministratore delegato di Kolumbus.

«Siamo entusiasti di presentare la nostra nuova rotta a Stavanger e voglio estendere i nostri più sentiti ringraziamenti a Vy e Kolumbus per la loro fiducia nella nostra visione. Per noi di Adastec non si tratta solo di far progredire la tecnologia, ma di garantire che ogni viaggio sia sicuro, affidabile e accessibile. La nostra partnership con Karsan ci ha permesso di integrare il nostro avanzato software di guida automatizzata SAE Level-4 direttamente negli autobus elettrici di alto livello in linea di produzione, stabilendo nuovi parametri di riferimento per il trasporto pubblico. Siamo qui per ridefinire la mobilità urbana, rendendola una parte della vita quotidiana piacevole per le comunità che siamo orgogliosi di servire, continuando a essere fieri del nostro status di primo servizio di autobus automatizzato in Europa», aggiunge l’amministratore delegato di Adastec, Dr. Ali Peker.

«Il lancio del nostro nuovo percorso a Stavanger riflette la dedizione di Adastec all’automazione SAE Level-4 nel trasporto pubblico. La nostra piattaforma, flowride.ai, è la pietra angolare di questo progresso, in grado di navigare senza problemi nelle complessità dei percorsi urbani, compreso il tunnel di 800 metri, mantenendo una velocità sicura di 40 km/h. Questo risultato evidenzia la perfetta integrazione della nostra tecnologia con l’esperienza operativa di Vy e Kolumbus, illustrando il nostro impegno comune non solo a evolvere, ma a rivoluzionare il panorama della mobilità. Siamo orgogliosi di essere alla guida di questo progetto, guidando lo sviluppo di autobus automatizzati che sono parte integrante dell’infrastruttura di ambienti urbani intelligenti e sostenibili», afferma Kerem Par, Chief Technology Officer di Adastec.

In primo piano

Mercedes eCitaro Fuel Cell, l’idrogeno per un’autonomia…alle Stelle

Il lancio ufficiale è arrivato alle porte dell’estate 2023, quando Daimler Buses scelse il palcoscenico del Summit UITP di Barcellona per la premiere mondiale del suo primo autobus a idrogeno, il Mercedes eCitaro Fuel Cell, in versione articolata da 18 metri. Si tratta di fatto di un’evoluzione dell...

Crossway Mild Hybrid NF: così Iveco Bus cavalca l’onda ibrida leggera

L’interurbano normal floor più diffuso in Europa non poteva non avvicinarsi a quella che qualcuno definisce ‘moda del momento’, cioè il mild hybrid. E lo fa in occasione degli ultimi aggiornamenti omologativi che riguardano il pacchetto Gsr2 nonché dell’interessante restyling frontale con tanto di n...

Articoli correlati

Viaggia chiuso dentro la bagagliera del pullman…per errore!

Un ragazzo ha viaggiato per mezz’ora chiuso dentro la bagagliera del pullman. E, no, non per evitare di pagare il biglietto. Protagonista della disavventura un ventenne che è rimasto chiuso dentro per errore nel portabagagli di un autobus sostitutivo, dove era entrano per alloggiare il monopat...