A partire da maggio 2020, gli Incidenti stradali con lesioni a persone che coinvolgono almeno un monopattino elettrico sono stati 564, con un decesso, la prima vittima in Italia. I feriti tra conducenti e passeggeri sono stati 518 e i conducenti illesi 58 mentre sono stati 33 i feriti tra i pedoni investiti da questi mezzi e 44 i feriti su altri veicoli (soprattutto biciclette e motocicli). Sono alcuni dei dati contenuti nell’ultimo Rapporto Aci-Istat sugli incidenti stradali, che ricorda come l’anno della pandemia sia stato caratterizzato dalla circolazione di nuovi mezzi di micromobilita’ elettrica, favorita dalla riduzione del traffico e dagli incentivi governativi. Nel periodo post lockdown la quota di mobilita’ “dolce” (popolazione che si sposta a piedi, in bici o appunto in monopattino) e’ cresciuta dell’11%, a scapito soprattutto del trasporto pubblico locale: solo nei primi sette mesi dell’anno scorso sono stati venduti 125 mila monopattini elettrici (+140%) mentre nell’intero arco dell’anno sono state vendute piu’ di due milioni di bici (+17% rispetto al 2019). Le biciclette elettriche sono state coinvolte, sempre da maggio 2020, in 240 sinistri con 6 vittime e 243 feriti. In totale, si contano 14.019 incidenti con biciclette – elettriche e non – e monopattini, con 176 vittime e 14.023 feriti, di cui 328 pedoni investiti. Per quanto concerne i monopattini elettrici coinvolti in incidenti stradali, il 34,2% dei conducenti erano di nazionalita’ straniera (provenienti per lo piu’ da Filippine, Egitto, Bangladesh, Marocco e Peru’). Circostanza quest’ultima che nel 2020 potrebbe essere legata soprattutto “alla diffusa circolazione di rider, soprattutto sulle strade urbane, impiegati nelle consegne a domicilio per i servizi di ristorazione e spesso utilizzatori di monopattini elettrici o biciclette”.

In primo piano

Indcar Mobi, l’urbano a gas ha un’autonomia al top

Quello della transizione energetica è il tema centrale su cui ruotano presente e futuro del settore del trasporto pubblico, e non solo. La graduale messa al bando delle soluzioni diesel apre infatti a nuovi scenari. E se le soluzioni elettriche non hanno ancora fatto breccia, le motorizzazioni a gas...

VDL Italia: nuovo team commerciale e la ripartenza del turismo

La tempesta Covid, il focus sulla sicurezza, le iniziative per i clienti travolti dalla crisi. E ora, il mercato che riparte e i Classe III che tornano finalmente a solcare le autostrade del Belpaese. VDL Italia si presenta al rilancio del mercato turistico forte di una gamma che ha già dimostrato i...

Giorgio Zino, presente e futuro di Iveco Bus

Post pandemia, investimenti e sguardo al domani. La transizione elettrica? Ha frenato, ma sta ripartendo. La produzione? È tornata a livelli pre Covid. Abbiamo incontrato Giorgio Zino, Business Director Italy and Greece Iveco Bus che ci ha tratteggiato il presente e il futuro del gruppo. Giorgio Zin...

Cloud-based e multicanale. La bigliettazione secondo Praticko

Le nuove tecnologie sono la principale chiave per migliorare la competitività e uscire dalla crisi. Al centro dei cambiamenti c’è il Cloud, considerato come lo strumento abilitante per eccellenza per progetti di digital transformation che, per propria natura, necessitano di praticità, flessibilità e...

Articoli correlati

Tpl, 600 milioni per i servizi aggiuntivi

Il Tpl sotto la lente del Ministro Giovannini. “Il primo messaggio da sottolineare è che lo Stato, a cui compete il finanziamento del Rpl (trasporto pubblico locale), ma non la gestione che spetta alle regioni, ha stanziato per la seconda parte dell’anno 600 milioni di euro per servizi aggiunt...