L’Antitrust ha fatto ricorso al Tar contro l’affidamento del trasporto pubblico ad Atac, fino al 2027 in ragione del fatto che il Comune di Roma non ha messo il servizio a gara, affidandolo in house alla controllata di Roma Capitale.

Già nel mese di settembre l’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) aveva definito illegittima l’assegnazione la proroga dell’affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale ad Atac.

Da parte il sua il Campidoglio aveva motivato la scelta nell’ottica di garantire la continuità del servizio. Un’argomentazione, secondo l’Agcm “fallace e inidonea a giustificare questa forma di affidamento”. L’Antitrust invita così il Comune di Roma ad aprire alla concorrenza il mercato del trasporto pubblico locale. E se il Tribunale amministrativo regionale dovesse dare ragione all’Agcm, per Roma e Atac sarebbe una bella gatta da pelare.

In primo piano

Mercato Europa, sono 31.020 i bus&coach immatricolati nel 2023 (+21%)

31.020 contro 25.657, +5.363 unità. Il mercato dell’autobus europeo, nel corso del 2023, è cresciuto del 20,90% rispetto al 2022 (dati Chatrou CME Solutions). Segno che dopo la brusca frenata d’arresto del Covid – con tanto di conseguenze da onda lunga – l ’ecosistema è vivo. Ed è vivo, vegeto e pie...

Articoli correlati

Napoli, la gestione del tpl rimane in capo ad Anm

Il trasporto pubblico di Napoli rimane in gestione della municipalizzata Anm. Questo il risultato dell’incontro in prefettura al quale hanno preso parte Regione Campania, Comune di Napoli e sindacati. Quindi, niente più gara all’orizzonte per l’affidamento dei servizi tpl, come era...
Tpl